PUSILLECO ADDIRUSO


musicaSalvatore Gambardella testoErnesto Murolo data1904


 
'Ncopp'ô Capo 'e Pusilleco addiruso,
addó 'stu core se n'è ghiuto 'e casa,
ce sta 'nu pergulato d'uva rosa
e 'nu barcone cu 'e mellune appise.
'Ncopp'ô Capo 'e Pusìlleco addiruso.
 
Su Capo Posillipo profumato,
dove questo cuore se n'è andato ad abitare,
c'è un pergolato di uva rosa
e un balcone con i meloni appesi.
Su Capo Posillipo profumato.
 
E 'nu canario, canta 'na canzone
'a dint'a 'na cajola, appesa fore.
E ll'èllera, s'attacca a 'stu barcone,
comme nce s'è attaccato chistu core.
 
E un canarino, canta una canzone
da dentro una gabbia, appesa fuori.
E l'edera, si attacca a questo balcone,
come s'è attaccato questo cuore.
 
Quanno 'o sole p' 'o monte se n'è sciso,
chest'aria fresca se fa cchiù addirosa,
e torna da 'a fatica Angelarosa,
cu 'o fascio 'e ll'erba aret'ê spalle appiso.
Quanno 'o sole p' 'o monte se n'è sciso.
 
Quando il sole per il monte è sceso,
quest'aria fresca diventa più profumata,
e torna dal lavoro Angelarosa,
col fascio d'erba dietro le spalle appeso.
Quando il sole per il monte è sceso.
 
Stàmmoce attiente a 'o segno cunvenuto.
Barcone apierto, ce sta ancora 'o frato.
Perziana scesa, 'o frato se n'è asciuto
e 'appuntamento è sotto 'o pergulato.
Stiamo attenti al segnale concordato.
Balcone aperto, c'è ancora il fratello.
Persiana abbassata, il fratello è uscito
e l'appuntamento è sotto il pergolato.

Il brano fu presentato alla Festa di Piedigrotta. Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Alfredo Del Pelo, Vittorio De Sica, Nunzio Gallo, Nino Fiore, Fausto Cigliano e Mario Gangi, Giacomo Rondinella, Mario Merola, Sergio Bruni e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia