PUSILLECO 'NSENTIMENTO


musicaGiuseppe Cioffi testoNello De Lutio data1949


 
Chianu chiano, pe 'sta via,
me ne saglio a fianco a te.
Sta sunanno 'Avemmaria,
fatte 'a croce 'nziem'a me.
Dint'a 'st'aria oro e viole
sient' 'ammore 'e suspirà,
a che servono 'e pparole
pe te dì: "Te voglio amà.
Pusilleco s'è miso 'nsentimento,
pazza d'ammore Napule se 'ncanta.
 
Piano piano, per questa via,
salgo affianco a te.
Sta suonando l'Ave Maria,
fatti il segno della croce insieme a me.
Nell'aria oro e viole
senti l'amore sospirare,
a cosa servono le parole
per dirti: "Ti voglio amare".
Posillipo si è messo in sentimento,
pazza d'amore Napoli si incanta.
 
Pusilleco 'nsentimento
dint'a ll'ombra, s'abbandona
'ncopp'a 'st'onne ca lle cantano
'a canzone d' 'e ssirene.
Pittore, che vuo pittà?
Pueta, che vuo cantà?
Cielo, che paraviso ch'è 'sta città.
Pusilleco 'nsentimento.
E Maria s'è 'ntenneruta,
dint'ê bbraccia mm'è caduta,
mm'ha vasato e mme ll'ha ditto: "Sí".
Oje luna, stamme a sentì.
Oje stelle, 'll'ît''a sapé,
nun ce sta 'n'ommo cchiù felice 'e me.
 
Posillipo in sentimento
nell'ombra, si abbandona
su queste onde che gli cantano
la canzone delle sirene.
Pittore, cosa vuoi dipingere?
Poeta, cosa vuoi cantare?
Cielo, che paradiso che è questa città.
Posillipo in sentimento.
E Maria si è intenerita,
tra le braccia mi è caduta,
mi ha baciato e me l'ha detto: "Sì".
O luna, ascoltami.
O stelle, lo dovete sapere,
non c'è un uomo più felice di me.
 
Chesta è 'a via d' 'e 'nnammurate.
Chesta è 'a via d' 'a giuventù.
Quanta suonne, cca sunnate,
nun se ponno scurdà cchiù.
Mo vicina, mo luntana,
'na canzone vene e va,
'na canzone chiena 'e luna,
chiena 'e Napule d'està.
Pusilleco s'è miso 'nsentimento,
pazza d'ammore, Napule se 'ncanta.
 
Questa è la via degli innamorati.
Questa è la via della giovinezza.
Quanti sogni, qua sognati,
non si possono dimenticare più.
Ora vicina, ora lontana,
una canzone arriva e va,
una canzone piena di luna,
piena di Napoli d'estate.
Posillipo si è messo in sentimento,
pazza d'amore, Napoli si incanta.
 
Pusilleco 'nsentimento
………………………….
Posillipo in sentimento
………………………….

Tra le interpretazioni si questa canzone, ricordiamo quelle di Amedeo Pariante, Claudio Villa, Sergio Bruni, Mario Trevi e Giacomo Rondinella.

Un commento su “Pusilleco ‘nsentimento

  1. C’è una grande differenza tra i due cantanti.Claudio Villa non conoscendo il napoletano commetto un errore marchiono di pronuncia dicendo “ca vuò”, mentre il testo dice chiaramente “che vuò”,come canta Giacomo Rondinella.Comunque,si tratta di una bella canzone che fa piacere riascoltare.Altri tenpi,altra musica,altre canzoni!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia