SOTT'Ê CCANCELLE


musicaMario Nicolò testoGiuseppe Tetamo data1920


 
"Oje figlie 'e mamma,
ca 'nu destino niro ha cundannate,
dint'ê ccancelle site tutte frate".
 
"O figli di mamma,
che un destino nero ha condannato,
in prigione siete tutti fratelli".
 
"Sì, mme ne vaco, v'ubbidisco, 'o ssaccio,
sott'ê ccancelle nun se po' cantà,
ma v'assicuro, niente 'e male faccio,
ll'urdema vota 'o voglio salutà.

'Nu preputente 'e me abusà vuleva.
Isso ll'acciso ca mm'apparteneva".
 
"Sì, me ne vado, vi obbedisco, lo so,
sotto il carcere non si può cantare,
ma vi assicuro, niente di male faccio,
l'ultima volta lo voglio salutare.

Un prepotente voleva abusare di me.
Lui l'ha ucciso perchè mi apparteneva.
 
"Oje secundino
ca staje passanno 'a visita, dincello
ca sto' cca sotto a 'stu carceratiello".
 
"O secondino
che passi per la visita, diglielo
che sono qua sotto a questo carceratino".
 
"Da 'a casa soja 'a mamma mm'ha cacciato,
cchiù nun mme vo' 'a famiglia mia vedé.
E sola i' mo, cu 'a croce 'e 'nu peccato,
chisà a qua' parte putarrìa cadé.

Ma nun mme coglie, no, 'sta mala sciorte.
Pecché, pecché io corro 'mbracci'â morte".
 
"Dalla sua casa la mamma mi ha cacciato,
la mia famiglia non mi vuole più vedere.
E da sola io ora, con la croce di un peccato,
chissà da quale parte potrei cadere.

Ma non mi prende, no, questa malasorte.
Perchè, perchè io corro in braccio alla morte".
 
"Che notte fredda.
Carceratiello, e tu dint'a 'stu lietto
nun truvarraje calore né arricietto".
 
"Che notte fredda.
Carceratino, e tu in questo letto
non troverai calore né riposo".
 
Addio, addio. E' ll'urdemo saluto
ca Dio, pe grazia, t'ha da fà arrivà.
Cunfòrtate a saperme 'int'ô tavuto
ca viva dint'ô fango a 'nfracetà.

E prejo a vuje ca 'nu sullievo 'o date,
cumpagne d' 'a sfurtuna, oje carcerate.
 
Addio, addio. E' l'ultimo saluto
che Dio, per grazia, ti deve far arrivare.
Confortati sapendomi in una bara
piuttosto che viva a marcire nel fango.

E prego voi che un sollievo gli diate,
compagni di sfortuna, o carcerati.
 
"Tu mme vuó bene.
E pe 'stu bbene io voglio campà ancora.
Giustizia i' cerco e ha da venì chell'ora".
"Tu mi vuoi bene.
E per questo bene io voglio vivere ancora.
Io cerco giustizia e dovrà arrivare quel momento".

Il brano fu lanciato da Amalia De Bellis e Ria Rosa. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Angela Luce.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia