STATTE VICINO A ME


(Baratta, Ciervo, Delle Grotte – 1954)


 
'O bbene, si è sincero,
è troppo amaro
quanno se perde.
Primma ch'è troppo tarde
te ll'aggi' 'a fà capì.
 
Il bene, se è sincero,
è troppo amaro
quando si perde.
Prima che è troppo tardi
te lo devo far capire.
 
Statte vicino a me
pe' n'ata sera,
tu nun 'o ppuó' sapé
comme si' cara.
Accarezzame
comm' 'o cielo accarezza 'a luna,
accarezzame
comm' 'o mare accarezza 'a rena,
famme addurmì.
Comme te ll'aggi' 'a dì:
"Te voglio bene".
Comme te ll'aggi' 'a dì:
"Nun mme lassà".
'O penziero ca perdo a te
comme fa paura.
Statte vicino a me
pe' n'ata sera.
 
Stai vicino a me
per un'altra sera,
non lo puoi sapere
come sei cara.
Accarezzami
come il cielo accarezza la luna,
accarezzami
come il mare accarezza la spiaggia,
fammi addormentare.
Come te lo devo dire:
"Ti voglio bene".
Come te lo devo dire:
"Non mi lasciare".
Il pensiero che ti perdo
come mi fa paura.
Stai vicino a me
per un'altra sera.
 
Suspìrame abbracciata
comm'a na vota:
"Si' 'a vita mia".
Si pure è na buscìa,
vale na verità.
 
Sospirami abbracciata
come una volta:
"Sei la vita mia".
Anche se è una bugia,
vale una verità.
 
Statte vicino a me
…………………….
Stai vicino a me
…………………

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia