STASERA, SÌ…


musicaLino Benedetto testoMarcello Zanfagna data1960


 
Me staje vicina e te sento luntana,
ma che ce tiene 'int'ô core, che tiene?
Nun siente 'o bbene ca troppo vo' bbene?
Povero ammore, povero ammore…
 
Mei stai vicina e ti sento lontana,
ma che ce hai nel cuore, che hai?
Nun senti il bene che troppo vuol bene?
Povero amore, povero amore…
 
Tu nun me vuò cchiù bene,
tu ride 'e chesti ppene,
ma 'n'ata vota,
cu mme stasera, viene…
 
Tu non mi vuoi più bene,
tu ridi di queste pene,
ma un'altra volta,
con me stasera, vieni…
 
Stasera, sì…
proprio stasera,
'na vota, mo e 'n'ata vota,
'n'ora sultanto, 'o vvì', 'n'ora sultanto.
Famme felice apposta
e famme male overo.
'Na buscia, 'n'ata buscia,
una d' 'e ttante,
giurala comm'allora.
E pazzea, pazzea c'ammore,
nun fa niente,
ma vasame comm'ajere.
 
Stasera, sì…
proprio stasera,
una volta, ora e un'altra volta,
un'ora soltanto, vedi, un'ora soltanto.
Fammi felice apposta
e fammi male davvero.
Una bugia, un'altra bugia,
una delle tante,
giurala come allora.
E gioca, gioca con l'amore,
non fa niente,
ma baciami come ieri.
 
Stasera. sì…
proprio stasera,
damme ll'ammore
e po famme murì.
Damme ll'ammore,
cchiù nun farme suffrì.
Stasera. sì…
proprio stasera,
dammi l'amore
e poi fammi morire.
Dammi l'amore,
più non farmi soffrire.

Il brano fu presentato all’ottava edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 14 al 16 giugno. Nell’occasione fu cantato da Achille Togliani e Miranda Martino, piazzandosi al sesto posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Trevi e Mario Abbate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia