SFURTUNATIELLO


musicaEnrico Schiano testoSerra data1960


 
Sfurtunatiello, sfurtunatiello.
 
Sfortunatello, sfortunatello.
 
Quand'uno è sfurtunato,
se vede da che nasce.
Ê vvote manch'e ffasce,
ce stanno p' 'o 'mfascià.
E quando nun le danno manc' 'o nomme,
è figlio d' 'a Madonna comm'a te.
 
Quando uno è sfortunato,
se vede da quando nasce.
Alle volte nemmeno le fasce,
ci sono per fasciarlo.
E quando non gli danno neanche il nome,
è figlio della Madonna come te.
 
Sfurtunatiello, Sfurtunatiello,
sî nato sfurtunato senz'ammore,
sî stato abbandunato senza core,
chisà pecchè, chisà pecchè.
 
Sfortunatello, Sfortunatello,
sei nato sfortunato senza amore,
sei stato abbandonato senza cuore,
chissà perchè, chissà perchè.
 
Sfurtunatiello, Sfurtunatiè,
pe te nun sponta maje 'nu raggio 'e sole,
pe te pure 'o cchiù doce sape amaro.
Nun 'a cercà, ca nun ce sta,
'na mana c'accarezza,
'na voce ca te chiamma,
comme fanno ch' 'e figle tutt' 'e mamme.
 
Sfortunatello, Sfortunatè,
per te non spunta mai un raggio di sole,
per te anche il più dolce sa di amaro.
Nun la cercare, che nun cè,
una mano che accarezza,
una voce che ti chiama,
come fanno con i figli tutte le mamme.
 
L'ammore è 'nu cuntratto,
ca nun ammette legge.
Chi sbaglia se curregge,
ognuno po' sbaglià.
Ma quanno nasce 'n'anema 'nnucente
tene 'o diritto 'e dicere "mammà".
 
L'amore è un contratto,
che non ammette legge.
Chi sbaglia si corregge,
ognuno può sbagliare.
Ma quando nasce un'anima innocente
ha il diritto di dire "mamma".
 
Sfurtunatiello, Sfurtunatiè,
………………………
 
Sfortunatello, Sfortunatè,
………………………
 
Sfurtunatiè, Sfurtunatiè. Sfortunatè, Sfortunatè.

Il brano fu lanciato da Mario Trevi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia