STORTA VA… DERITTA VENE


musicaAlfredo Romeo testoAlberto Petrucci, Dionisio Sgueglia data1957


 
Te pare 'nu mistero
ca stongo sempe allero
da ch'hê saputo ca sto' ruvinato?
Embè, me so' cagnato,
me songo rassignato,
mo penzo sulo a mme.
Io curo 'e nierve mieje cu 'sta ricetta
e benedico a chillo ca ll'ha fatta.
 
Ti sembra un mistero
che sono sempre allegro
da quando hai saputo che sono rovinato?
Embè, sono cambiato,
mi sono rassegnato,
ora penso solo a me.
Io curo i miei nervi con questa ricetta
e benedico quello che l'ha fatta.
 
Storta va… deritta vene,
sempe storta nun po' ghì.
Spisso 'o mmale
porta 'o bbene,
po' tardà ma ha dda venì.
Nun me spostano manco 'e ffemmene
si minacciano 'e 'nfamità.
Nun me piglio cchiù 'n'ombra 'e collera.
Quanta felicità. Quanta felicità.
Sarrà 'stu sole 'e 'sta città,
sarrà 'stu mare ca sta cca,
sarrà chi 'o ssape che sarrà,
ca tutte 'e guaje me fa scurdà.
 
Storta va… dritta viene,
sempre storta nun può andare.
Spesso il male
porta il bene,
può tardare ma deve arrivare.
Non mi spostano nemmeno le donne
si minacciano una cattiveria.
Nun mi arrabbio nemmeno più.
Quanta felicità. Quanta felicità.
Sarà questo sole di questa città,
sarà questo mare che sta qua,
sarà chi lo sa che sarà,
che tutti i guai mi fa dimenticare.
 
'O ppuorte scritto 'nfronte
ca chiagne e te turmiente
'a quando 'a biundulella nun t'aspetta.
Io nun 'a desse retta,
facesse 'na vendetta,
pe farla 'ntussecà.
Me mettarria a cantà sott'ô balcone
'stu riturnello a suono 'e mandulino.
 
Ce l'hai scritto in fronte
che piangi e ti tormenti
da quando la biondina non t'aspetta.
Io nun le darei retta,
farei una vendetta,
per farla arrabbiare.
Mi metterei a cantare sotto al balcone
questo ritornello suonando il mandolino.
 
Nun me spostano manco 'e ffemmene
si minacciano 'e 'nfamità.
Nun me piglio cchiù 'n'ombra 'e collera.
Quanta felicità. Quanta felicità.
Sarrà 'stu sole 'e 'sta città,
sarrà 'stu mare ca sta cca,
sarrà chi 'o ssape che sarrà,
ca tutte 'e guaje me fa scurdà.
Non mi spostano nemmeno le donne
si minacciano una cattiveria.
Nun mi arrabbio nemmeno più.
Quanta felicità. Quanta felicità.
Sarà questo sole di questa città,
sarà questo mare che sta qua,
sarà chi lo sa che sarà,
che tutti i guai mi fa dimenticare.

Il brano fu presentato alla quinta edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 16 al 18 maggio. Nell’occasione fu cantato da Aurelio Fierro, piazzandosi al settimo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Maria Paris, Giacomo Rondinella e Renato Carosone.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia