MARIA MARI'


musicaEduardo Di Capua testoVincenzo Russo data1899


 
Arápete fenesta.
Famme affacciá a Maria,
ca stóngo 'mmiez'â via
speruto d' 'a vedé.
 
Apriti finestra.
Fammi affacciare Maria,
che sono in mezzo alla strada
desiderando di vederla.
 
Nun trovo 'n'ora 'e pace.
'A notte 'a faccio juorno,
sempe pe stá cca attuorno,
speranno 'e ce parlá.
 
Non trovo un'ora di pace.
La notte diventa giorno,
sempre per stare qui intorno,
sperando di parlarci.
 
Oje Marí, oje Marí,
quanta suonno ca perdo pe tte.
Famme addurmí
abbracciato nu poco cu tte.
Oje Marí, oje Marí.
Quanta suonno ca perdo pe tte.
Famme addurmí,
oje Marí, oje Marí.
 
O Maria, o Maria,
quanto sonno che perdo per te.
Fammi addormentare
abbracciato un po' con te.
O Maria, o Maria.
quanto sonno che perdo per te.
Fammi addormentare
O Maria, o Maria.
 
'Mmiez'a 'stu ciardeniello,
ce ride 'a malvarosa.
Nu lietto 'e fronne 'e rosa
aggio fatto pe tte.
 
In questo giardinetto,
ci sorride la malvarosa.
Un letto di petali di rosa
ho fatto per te.
 
Viene che 'a notte è doce,
'o cielo ch'è 'nu manto.
Tu duorme e io te canto
'a nonna a fianco a te.
 
Vieni che la notte è dolce,
il cielo è una coperta.
Tu dormi e io canto
la ninna nanna di fianco a te.
 
Oje Marí, oje Marí,
……………………..
 
O Maria, o Maria,
……………………..
 
Pare che giá s'arape
'na sénga 'e fenestella.
Maria cu 'a manella,
nu segno a me mme fa.
 
Sembra che già si apra
una fessura alla finestra.
Maria con la manina,
un segno mi fa.
 
Sòna chitarra mia,
Maria s'è scetata.
'Na scicca serenata,
facímmole sentí.
 
Suona chitarra mia,
Maria si è svegliata.
Una bella serenata,
facciamole sentire.
 
Oje Marí, oje Marí,
……………………..
O Maria, o Maria,
……………………..

La canzone, come gran parte di quelle scritte da Vincenzo Russo, è dedicata al suo amore impossibile per Enrichetta Marchese, figlia di un ricco gioielliere che ne osteggia la relazione a causa della differenza sociale tra i due. La prima interpretazione fu di Roberto Ciaramella che, all’età di soli sette anni, debuttò al Teatro Rossini di Napoli con quest’opera di Eduardo Di Capua, suo maestro di canto. Tra le altre versioni, ricordiamo quelle di Beniamino Gigli, Tullio Pane, Bruno Venturini, Aurelio Fierro, Francesco Daddi, Francesco Albanese, Luciano Pavarotti, Roberto Murolo, Claudio Villa (che ne incide anche una versione in coppia con Luis Armstrong), Mina e Massimo Ranieri.

Un commento su “Maria Marì

  1. Mille grazie per un meraviglioso servizio non pagato–una vera enciclopedia delle piu belle canzone!

Rispondi a LaLuna, Franco Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia