'A BANDERELLA 'E CARTA


musicaGiuseppe Cioffi testoGigi Pisano data1955


 
Che folla 'nnant' 'a chella bancarella,
'na chiorma 'e guagliuncielle
cercava 'e franfellicche1 e 'ccaramelle.
 
Che folla davanti a quella bancarella,
una moltitudine di ragazzini
cervava "franfellicchi"1 e caramelle
 
'O cchiù guaglione 'e lloro, Peppiniello,
diceva ê cumpagnelle
"Pe cunto mio voglio 'sta banderella.
Facimmo 'a guainella2,
vedimme chi è capace a m' 'a scippà."
 
Il più piccolo di loro, Peppiniello,
diceva agli amichetti
"Per me voglio questa bandierina.
Facciamo una sfida2,
vediamo chi riesce a strapparmela".
 
E comme 'a difendeva 'a banderella
quann' 'e guagliune jevano a l'attacco.
Isso 'a teneva forte cu 'e manelle
e po alluccava "Chesta nun se tocca".
E s' 'a teneva astretta 'ngopp'ô core,
chella bandiera 'e carta tricolore.
 
E come la difendeva la bandierina
quando i ragazzi andavano all'attacco.
Lui la teneva forte con le manine
e poi urlava "Questa non si tocca".
E se la teneva stretta sul cuore,
quella bandiera di carta tricolore.
 
Doppo tant'anne more, 'a vicchiarella
dint' 'a 'na casciulella
raccoglie tutt' 'a rrobba 'e Peppiniello.
 
Dopo tanti anni muore, la madre
in una cassettina
raccoglie tutte le cose di Peppiniello.
 
Quanta ricorde, libbre, pazzielle
e po 'na banderella
ca se l'era astipata guagliunciello
giuranno ê cumpagnelle
"Nisciuno è maje capace 'e m' 'a scippà".
 
Quanti ricordi, libri, giochi
e poi una bandierina
che aveva conservato da ragazzino
giurando agli amichetti
"Nessuno mai riuscirà a strappamela".
 
E comme 'a difendeva 'a banderella
…………….
 
E come la difendeva la bandierina
…………….
 
Ma fuje pe 'na bandiera assaje cchiù bbella,
quann' 'e nemice jettero a l'attacco
restaje stiso 'ngopp'a ll'Adamello
mentre alluccava "Chesta nun se tocca".
E 'a mamma mo s' 'astregne 'ngopp'ô core
chella bandiera 'e carta tricolore.
Ma fu per una bandiera molto più bella,
quando i nemici andarono all'attacco
restò steso sull'Adamello
mentre urlava "Questa non si tocca".
E la mamma ora se la stringe sul cuore
quella bandiera di carta tricolore.

Il brano fu presentato alla Festa di Piedigrotta. Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Amedeo Pariante, Alberto Amato e Alberto Berri.
1 Il franfellicco era un dolce tipico napoletano, un bastoncino di zucchero che abbondava sulle bancarelle durante le feste. Per la sua realizzazione, veniva creato un impasto a cui veniva aggiunto uno sciroppo colorato di zucchero e del miele, per essere poi lavorato su un supporto metallico uncinato. Una volta solidificato, veniva tagliato a pezzi e venduto per essere gustato ancora caldo. Il termine deriva dal francese "fanfreluche" che identificava in pratica lo stesso tipo di dolce.
2 In origine, il termine "guainella" era il grido di incitamento con cui gli scugnizzi accompagnavano delle lotte a colpi di pietra. Successivamente, con il tempo, la parola diventò il nome con cui ci si riferiva ad un qualsiasi duello o sfida.
3 L’Adamello è uno dei settori alpini che, durante la Prima Guerra Mondiale, furono teatro degli scontri tra il Regno d’Italia e l’Impero Austro-Ungarico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia