'A TAZZA 'E CAFE'


musicaVittorio Fassone testoGiuseppe Capaldo data1918


 
Vurría sapé pecché si mme vedite,
facite sempe 'a faccia amariggiata.
Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,
cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate.
I' mo nun saccio si ve n'accurgite.
 
Vorrei sapere perché se mi vedete,
fate sempre la faccia amareggiata.
Ma voi, quanto più brutta vi mostrate,
più bella, ai miei occhi, apparite.
Ora non so se ve ne accorgete.
 
Ma cu 'sti mode, oje Bríggeta,
tazza 'e café parite:
sotto tenite 'o zzuccaro,
e 'ncoppa, amara site.
Ma i' tanto ch'aggi' 'a vutá,
e tanto ch'aggi' 'a girá,
ca 'o ddoce 'e sott'â tazza,
fin'a 'mmocca mm'ha dda arrivá.
 
Ma con questi modi, o Brigida,
sembrate una tazza di caffè:
sotto avete lo zucchero,
e sopra, siete amara.
Ma io tanto che devo rivoltare,
e tanto che devo girare,
che il dolce da sotto la tazza,
fino in bocca mi deve arrivare.
 
Cchiù tiempo passa e cchiù v'arrefreddate,
'mvéce 'e ve riscaldá, "caffè squisito".
'O bbello è ca, si pure ve gelate,
site 'a delizia d' 'o ccafé granito,
facenno cuncurrenza â limunata.
 
Più tempo passa più vi raffreddate,
invece di riscaldarvi, "caffè squisito".
Il bello è che, se anche vi gelate,
siete la delizia della granita di caffè,
facendo la concorrenza alla limonata.
 
Ma cu 'sti mode, oje Bríggeta,
………………………………….
 
Ma con questi modi, o Brigida,
…………………………………….
 
Vuje site 'a mamma d' 'e rrepassatore?
E i', bellezza mia, figlio 'e cartaro.
Si vuje ve divertite a cagná core,
i' faccio 'e ccarte pe senza denare.
Bella pareglia fóssemo a fá 'ammore.
 
Voi siete la madre di chi inganna?
Ed io, bellezza mia, figlio di cartaio.
Se voi vi divertite a cambiare cuore,
io prevedo il futuro per i poveri.
Bella coppia saremmo a stare insieme.
 
Ma cu 'sti mode, oje Bríggeta,
………………………………….
Ma con questi modi, o Brigida,
…………………………………….

Sembra che l’autore dei versi sia stato ispirato dal carattere lunatico di Brigida, cassiera del Caffè Portorico di Napoli. La canzone fu presentata da Elvira Donnarumma al Teatro Bellini di Napoli. Grazie al suo grande successo è entrata nel repertorio di moltissimi cantanti tra cui ricordiamo Massimo Ranieri, Sergio Bruni, Nicola Arigliano, Roberto Murolo, Angela Luce, Maria Nazionale e Lina Sastri.

2 commenti su “‘A tazza ‘e cafè

  1. Da buona napoletana devo aggiungere che questa canzone mi commuove profondamente, prima perchè mi ricorda i canti su di lei di mia nonna e di mia mamma,secondariamente perchè il sentimento , la gentilezza il pudore che esistevano a quei tempi , sono tramontati.
    Adesso è difficile che un ragazzo faccia la sua dichiarazione d’amore davanti ad una tazza di caffè alla presenza della sua innamorata .
    E’ proprio vero : Tempi belli di una volta che non tornate più l’ho voluto tradurre in italiano . Viva Napoli ! Rosaria

  2. I miei studi universitari li ho fatti a Napoli città che amo profondamente cosi come più di sessanta anni fa amai la mia prima ragazza. La canzone che ben conosco è gentile, arguta, ricca di sentimento. La traduzione è perfetta e per questo mi complimento con l’autrice.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia