ACCUSSI'


musicaMario Ruccione testoAntonio Pugliese data1959


 
'O mare e 'o viento chiagnono, stanotte,
dint'a 'stu golfo.
Ricorde e ombre tornano, stanotte,
dint'a 'stu core.
Ah, quanto pagarría 'nu poco 'e suonno.
'Nu poco 'e suonno ca mme parla 'e te.
 
Il male e il vento piangono, stanotte,
in questo golfo.
Ricordi e ombre tornano, stanotte,
in questo cuore.
Ah, quanto pagherei un po' di sogno.
Un po' di sogno che mi parli di te.
 
E 'o suonno vene e mme trascina 'nfunno,
comm'a 'na varca a mare, senza rimme.
 
E il sogno arriva e mi trascina a fondo,
come una barca in mare, senza remi.
 
Accussí, accussí
sî turnata, 'n'ata vota,
'nnammurata, 'mbracci'a me.
'Sti viuline, a Margellina,
mo suspirano pe te,
'nziem'a me.
T'accarezzo comme fusse tu 'na mamma,
doce doce comme fusse 'na Madonna,
'na Madonna tu pe me.
 
Così, così
sei tornata, un'altra volta,
innamorata, tra le mie braccia.
Questi violini, a Mergellina,
ora sospirano per te,
insieme a me.
Ti accarezzo come fossi una mamma,
dolcemente come fossi una Madonna,
tu, una Madonna per me.
 
Accussí, accussí
nun parlá, nun dirme niente
ca 'stu core vo' sentí
sulo 'o mare, sulo 'o viento
abbracciato 'nziem'a te.
Accussí, accussí…
 
Così, così
non parlare, non dirmi niente
che questo cuore vuole sentire
solo il mare, solo il vento
abbracciato insieme a te.
Così, così…
 
S'addorme 'a luna e sta schiaranno juorno
pe' tutt''o golfo.
Io 'nzerro ll'uocchie e dico:
"Nun è ghiuorno pe chistu core".
Saccio ch'è 'na bugía, ma voglio 'o suonno.
Sultanto 'o suonno ca te porta a me.
 
Si addormenta la luna e sta facendo giorno
in tutto il golfo.
Io chiudo gli occhi e dico:
"Non è giorno per questo cuore".
So che è una bugia, ma voglio il sogno.
Solo il sogno che ti porta da me.
 
E 'o suonno vène e mme trascina 'nfunno,
comm'a 'na varca a mare, senza rimme.
 
E il sogno arriva a mi trascina a fondo,
come una barca in mare, senza remi.
 
Accussí, accussí
sî turnata, 'n'ata vota,
'nnammurata 'mbracci'a me.
………………………………………..
Così, così
sei tornata, un'altra volta,
innamorata, tra le mie braccia.
……………………………………….

La canzone fu cantata per la prima volta al Festival di Napoli del 1959 da Aurelio Fierro e Mario Abbate, classificandosi al settimo posto.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia