ADDIO, CARME'!


musicaCarlo Fanti testoGiovanni Capurro data1902


 
Carmè, Carmè, rispunneme,
'o sisco nun 'o siente?
Io so' venuto a stiente
pe te turnà a vedè.
Poc'ato e part' 'o treno,
è pronto 'o reggimento.
Passato 'stu mumento,
po nun te veco cchiù.
 
Carmla, Carmela, rispondimi,
il fischio non lo senti?
Io sono arrivato a stento
per rivederti.
Ancora un po' e parte il treno,
è pronto il reggimento.
Passato questo momento,
poi non ti vedo più.
 
Quanno 'e surdate passano
e quanno 'e tromme sonano,
affaccete, e ricordete
chi penza sempe a te.
Te te te te te tiritiritè!
Te te te te te tiritiritè!
E quanno torno a Napole
te sposo addò vuò tu.
 
Quando i soldati passano
e quando le trombe suonano,
affacciate, e ricordate
chi pensa sempre a te.
Te te te te te tiritiritè!
Te te te te te tiritiritè!
E quando torno a Napoli
te sposo dove vuoi tu.
 
Te dongo 'sti tre nummere
e giochete 'o viglietto,
ma astipatillo 'mpietto
si no nun ghiesce cchiù.
'Nu monaco m'ha ditto:
“Figlio, si faje 'ammore
jòchete 'e genitore,
'a pace e 'a libertà”
 
Ti do questi tre numeri
e giocati il biglietto,
ma conservatelo nel petto
se no non esce più.
Un monaco m'ha detto:
“Figliolo, se fai l'amore
giocati i genitori,
la pace e la libertà”
 
Quanno 'e suldate passano
…………………….
 
Quando i soldati passano
…………………….
 
Addio, Carmè. Salutame
a tutte d' 'a famiglia.
A sòreta Cunziglia
assaje assaje, Carmè.
'N'ambraccio a zi' Cuncetta,
e 'n'ato a Peppeniello.
Vàsame 'o cacciuttiello
e nun m' 'o fa ammalì.
 
Addio, Carmela. Salutami
tutti della famiglia.
Tua sorella Cosilia
moltissimo, Carmela.
Un abbraccio a zia Concetta,
e un altro a Peppinello.
Baciami il cagnolino
e non farmelo intristire.
 
Quanno 'e suldate passano
…………………….
Quando i soldati passano
…………………….


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia