ADDUORMETE


musicaMarcello Cambi testoArmando Ciervo data1956


 
Cammino ma nun saccio cchiù addò vaco
e parlo ma nun saccio cchiù che dico.
'O core abbrucia e cerca ancora 'o ffuoco
è proprio overo ca ll'ammore è cieco.
 
Cammino ma non so più dove vado
e parlo ma non so più che dico.
Il cuore brucia e cerca ancora il fuoco.
E' proprio vero che l'amore è cieco.
 
Adduormete 'nu poco 'mbraccio a mme
si me vuò bene.
E suonnete 'stu core ca pe tte
more 'e passione.
Cu 'o viento
vanno 'e ffronne p' 'o munno,
cu 'ammore
vanno 'e vase addò vonno,
nce pienze?
'E gguardo e nun me stanco d' 'e gguardà
chist'uocchie doce!
'O ppenzo e nun me stanco d' 'o ppenzà
ca so' felice.
'E vvene
m'abbruciano guardanno a tte.
Adduormete 'nu poco 'mbraccio a mme
si me vuò bene!
 
Addormentati un po' tra le mie braccia
se mi vuoi bene.
E sognati questo cuore che per te
muore di passione.
Col vento
vanno le foglie per il mondo,
con l'amore
vanno i baci dove vogliono,
ci pensi?
Li guardo e non mi stanco di guardarli
questi occhi dolci.
Lo penso e non mi stanco di pensarlo
che son felice.
Le vene
mi bruciano guardando te.
Addormentati un po' tra le mie braccia
se mi vuoi bene.
 
'O libbro d' 'o destino sa' che dice:
ll'ammore quanno è ammore comm'è ddoce.
E p'ogni core c'ha perduto 'a pace
'na stella 'ncielo nasce, tremma e luce.
 
Il libro del destino sai che dice,
l'amore quando è amore com'è dolce.
E per ogni cuore che ha perso la pace
una stella in cielo nasce, trema e splende.
 
Adduormete nu poco 'mbraccio a mme
…………………….
 
Addormentati un po' tra le mie braccia
…………………….
 
Si me vuò bene. Se mi vuoi bene.

Il brano fu presentato al quarto Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 21 al 23 giugno. Nell’occasione fu cantato da Tullio Pane e Tonina Torrielli, piazzandosi al decimo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia