ADDÓ ME VASA ROSA


musicaRaffale Segrè testoE. A. Mario1 data1907


 
A Capemonte, 'ntiempo 'e primmavera,
quanno pe ll'aria va cantanno Ammore
e da luntano se fa bello 'o mare,
ll'albere attuorno fanno cchiù friscura,

a Capemonte 'ntiempo 'e primmavera.
 
A Capodimonte, in tempo di primavera,
quando nell'aria canta Amore
e da lontano si fa bello il mare,
gli alberi attorno fanno più ombra,

a Capodimonte in tempo di primavera.
 
E Ammore, e Ammore, e Ammore,
'mmiez'a ll'albere se corre a fá 'na casa,
se corre a fá 'na casa,
addó ce sta 'na stradulella 'e scesa,
addó mm'abbraccia, addó mme vasa Rosa.

Addó mm'abbraccia e addó mme vasa Rosa.
 
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi si corre a fare una casa,
si corre a fare una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia e dove mi bacia Rosa.
 
Figliole cuntignose e aggraziate,
vuje ca nun date vase e nun n'avite,
si 'e core vuoste se so' fatte 'e preta,
a Capemonte, Ammore 'e 'nfoca, 'e sceta,

figliole cuntignose e aggraziate.
 
Ragazze pudiche e aggraziate,
voi che non date baci e non ne avete,
se i vostri cuori sono diventati di pietra,
a Capodimonte, Amore li infuoca, li sveglia,

ragazze pudiche e aggraziate.
 
E Ammore, e Ammore, e Ammore,
'mmiez'a ll'albere s'è ghiuto a fá 'na casa,
s'è ghiuto a fá 'na casa,
addó ce sta 'na stradulella 'e scesa,
addó mm'abbraccia, addó mme vasa Rosa.

Addó mm'abbraccia e addó mme vasa Rosa.
 
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi è andato a farsi una casa,
è andato a farsi una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia e dove mi bacia Rosa.
 
A Capemonte ce sta 'n'ata reggia
cu 'nu balcone, 'n'ásteco e 'na loggia.
'Nu passero ce canta ô mese 'e maggio
e 'o core mio ce trase lieggio lieggio.

A Capemonte ce sta 'n'ata reggia.
 
A Capodimonte c'è un'altra reggia
con un balcone, un solaio e un terrazzo.
un passero ci canta nel mese di maggio
e il mio cuore ci entra leggero leggero.

A Capodimonte c'è un'altra reggia.
 
E Ammore, E Ammore, E Ammore,
'mmiez'a ll'albere s'è ghiuto a fá 'na casa,
s'è ghiuto a fá 'na casa,
addó ce sta 'na stradulella 'e scesa,
addó mm'abbraccia, addó mme vasa Rosa.

Addó mm'abbraccia e addó mme vasa Rosa.
E Amore, e Amore, e Amore,
tra gli alberi è andato a farsi una casa,
è andato a farsi una casa,
dove c'è una stradina in discesa,
dove mi abbraccia, dove mi bacia Rosa.

Dove mi abbraccia e dove mi bacia Rosa.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Tullio Pane, Gabriele Vanorio, Dino Giacca e Ferdinando Rubino.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Un commento su “Addò me vasa Rosa

  1. Non conoscevo questo canzone.L’ho ascoltata oggi per la prima volta cantata da Gabriele Vanorio attivo quando ero giovane e vivevo a Napoli.Abitavo a Capodimonte e lì ho dato il mio primo bacio a colei che poi diventò la mia sposa e mi seguì in Piemonte negli anni ’60.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia