CANZONA 'MBRIACA


musicaE. A. Mario1 testoSalvatore Di Giacomo data1932


 
E' 'a notte 'e Pasca, all'unnece,
'nu poco fatto a vino,
p' 'o vico ô Buoncammino
io mme retiro…
'nu poco fatto a vino.
 
E' la notte di Pasqua, alle undice,
un po' alticcio,
per il vicolo del Buoncammino
io me ne torno a casa…
un po' alticcio.
 
Nun passa manco 'n'anema
e 'o vico cupo cupo
pare 'na vocca 'e lupo.
Alò, cantammo…
pare 'na vocca 'e lupo.
 
Non passa manco un'anima
e il vicolo cupo cupo
sembra una bocca di lupo.
Su, cantiamo…
sembra una bocca di lupo.
 
Vi' che te fa 'na femmena,
nun mme pareva overo
ca stevo accussì allero
a notte, a notte.
Uhi là larà…
nun me pareva overo…
Uhi là larà Uhi là larà larà.
 
Guarda cosa ti fa una donna,
non mi sembrava vero
di stare così allegro
a tarda notte.
Uhi là larà…
non mi sembrava vero.
Uhi là larà Uhi là larà larà.
 
Embè, mo pecchè all'urdemo piano
'e 'stu palazziello,
ll'urdemo barcunciello
è russo 'e luce
?
Ll'urdemo barcunciello.
 
Embè, ora perchè all'ultimo piano
di questo palazzo,
l'ultimo balcone
è illuminato di rosso?

L'ultimo balcone.
 
Sarrà spusata Angeleca
e a tarallucce e vino
fernenno sta 'o festino,
â faccia mia…
fernenno sta 'o festino.
 
Si sarà sposata Angelica
e a tarallucci e vino
finendo sta il festino
alla faccia mia…
finendo sta il festino.
 
Vi' che te fa 'na femmena,
……………………
 
Guarda cosa ti fa una donna,
……………………
 
E mo, tecchete Angeleca
ca mme fa chistu sfreggio
e chello ch'è cchiù peggio
'a tengo 'e faccia…
ca mme fa chistu sfregio.
 
E ora, ecco Angelica
che mi fa questo sfregio
e quello che è peggio
ce l'ho di fronte…
ca mme fa chistu sfregio.
 
Neh guardapò, scusateme,
Angeleca è spusata?
"Ched è? Meza 'nzerrata

nun vide 'a porta?"
Ah già, meza 'nzerrata.
 
Neh portinaio, scusatemi,
Angelica si è sposata?
"Cos'è? Mezza chiusa

non vedi la porta?"
Ah già, mezza chiusa.
 
Scusate, che vo' dicere
meza 'nzerrata 'a porta?
"Vo' dicere ch'è morta
e bonanotte".
Uhi là larà.
Vo' dicere ch'è morta.
Uhi là larà larì larì lirà.
Scusate, cosa vuol dire
mezza chiusa la porta?
"Vuol dire che è morta
e buonanotte".
Uhi là larà.
Vuol dire che è morta.
Uhi là larà larì larì lirà.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Enzo Romagnoli, Mario Abbate, Nino Taranto, Sergio Bruni e Mario Merola.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia