CHE MM'HÊ 'MPARATO A FFA'


musicaArmando Trovajoli testoDino Verde data1956


 
'E stelle d' 'a marina, chella sera,
pareva ce vulessero 'ncantá.
Però, ogne stella ca scenneva a mare
screveva 'ncielo: "Addio felicitá".
 
Le stelle della marina, quella sera,
sembrava che volessero incantarci.
Però, ogni stella che scendeva in mare
scriveva in cielo: "Addio felicità".
 
Tu, che mm'hê 'mparato a ffá',
che "Kiss me" vène a dí:
"io te vurria vasá"?
 
Tu, cosa me l'hai insegnato a fare,
che "kiss me" vuol dire:
"io ti vorrei baciare"?
 
Io, purtánnote cu mme,
che t'aggio ditto a ffá':
"so' 'nnammurato 'e te"?
 
Io, portandoti con me,
che ti ho detto a fare:
"sono innamorato di te"?
 
Pecché, vasánnome accussí,
tu mm'hê 'mparato a dí
'sti ccose scanusciute?
 
Perchè, baciandomi così,
tu mi hai insegnato a dire
queste cose sconosciute?
 
Capre, Surriento e 'sta luna,
se ne so' ghiute cu te.
 
Capri, Sorrento e questa luna,
se ne sono andate con te.
 
Tu, sapenno 'e nun turná,
che mm' hê 'mparato a fá
sti ffrase furastiere?
 
Tu, sapendo di non tornare,
che me le hai insegnate a fare
queste frasi straniere?
 
Ammore, ched è 'a felicitá
che mm'hê 'mparato a ffá'?
Amore, cos'è la felicità
cosa me l'hai insegnato a fare?

La canzone fu scritta per Sofia Loren, la cui incisione rimase in vetta alle classifiche di vendita del 1957 per un mese. Tra le altre interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Fausto Cigliano, Bruno Martino, Jula de Palma e da Mina.

Un commento su “Che mm’hê ‘mparato a ffa’

  1. CHE MM’HÊ ‘MPARATO A FFA’ è una delle più bele e struggenti canzoni napoletane. La ricordo come colonna sonora di uno dei più bei film d’amore ed ho imparato a suonarla fin da bambino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia