CHE SUONNO


musicatestoClaudio Mattone data1983


 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
 
Vì che bella matina,
miezu litro 'e cafè.
Nun s'arápono 'st'uocchie
p' 'a paura 'e nun te vedé.
 
Guarda che bella mattina,
mezzo litro di caffè.
Non si aprono questi occhi
per la paura di non vederti.
 
Vì che bella matina,
mo ca nun ce staje tu.
Quando dormo, te sonno
e, si mme sceto,
'un te veco cchiù.
 
Guarda che bella mattina,
ora che non ci sei tu.
Quando dormo, ti sogno
e, se mi sveglio,
non ti vedo più.
 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
 
Addó stanno ll'amice?
Addó stanno 'e pariente?
Buone sulo a fá 'nciuce
e nun se ne fottono
proprio 'e niente.
 
Dove sono gli amici?
Dove sono i parenti?
Buoni solo a fare inciuci
e non se ne fregano
proprio di niente.
 
Addó stanno ll'amice?
Chi sta male sta sulo.
Meglio sule, se dice,
e tutte ll'ate
pònno jí a fá 'nculo.
 
Dove sono gli amici?
Chi sta male è solo.
Meglio soli, si dice,
e tutti gli altri
possono andare a fanculo.
 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
………………………….
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
………………………….
 
Arapimmo 'a fenesta,
sento 'a gente p' 'a via.
Sempe 'a stessa menesta
ogne matina, che pecundría.
 
Apriamo la finestra,
sento la gente per strada.
Sempre la stessa minestra
ogni mattina, che tristezza.
 
Arapimmo 'a fenesta,
tanto, 'o sole ce sta.
Ca si po nun ce stesse,
sempe hê 'a scénnere a faticá.
 
Apriamo la finestra,
tanto, il sole c'è.
Che se poi non ci fosse,
sempre devi scendere a lavorare.
 
Vì che suonno!
Ma che suonno che tengo,
nun mme voglio scetá.
 
Guarda che sonno!
Ma che sonno che ho,
non mi voglio svegliare.
 
Arapimmo 'a fenesta,
………………………..
Apriamo la finestra,
……………………..

Il brano è inserito in “De Crescenzo”, terzo LP di Eduardo De Crescenzo, pubblicato dall’etichetta discografica Ricordi nel 1983. E’ l’unico tra i suoi album in cui compaiono esclusivamente canzoni in lingua napoletana. Tra le altre interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Sal Da Vinci.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia