CHIAPPARIELLO


musicaSergio Bruni testoSalvatore Palomba data1976


 
Hanno arrestato, a ll'angolo 'e Furía,
'nu muzzunciello 'e diece, dudece anne
pecché ha fatto 'nu scippo, 'mmiez'â via,
mentre ddoje guardie stévano passanno.
A vedé 'stu guaglione ch'è tantillo,
lle scappa quase a risa a 'o brigadiere.
Dice: "Comme te chiamme?". "Chiappariello1".
"E papá tujo che fa?". "Sta 'int'ê cantiere".
 
Hanno arrestato, all'angolo di via Foria,
un ragazzino di dieci, dodici anni
perchè ha fatto uno scippo, per strada,
mentre due guardie stavano passando.
Al vedere questo ragazzo che è così piccolo,
gli scappa quasi una risata al brigadiere.
Dice: "Come ti chiami?". "Chiappariello1".
"E tuo papà che fa?". "Sta nei cantieri".
 
Chiappariello, Chiappariello,
guagliunciello piccerillo,
nun è uno, ma so' mille
comm'a isso, a 'sta cittá.
Chi è cchiù 'nzisto 'e tutt' 'e figlie,
è chi ajuta giá 'a famiglia ca ll'aspetta,
ma, 'na sera, nun 'o vede cchiù 'e turná,
nun 'o vede cchiù 'e turná.
 
Chiappariello, Chiappariello,
ragazzino piccolino.
non è uno, ma sono mille
come lui, in questa città.
Chi è più prepotente tra tutti i figli,
è chi aiuta già la famiglia che l'aspetta,
ma, una sera, non lo vede più tornare,
non lo vede più tornare.
 
E 'na mamma, 'mmiez'a tante,
pe chist'atu dispiacere
chiagne sotto 'e Filangiere2,
chiagne sotto 'e Filangiere.
 
E una mamma, tra tante,
per questo dispiacere
piange sotto al Filangieri2,
piange sotto al Filangieri.
 
E mo sta sempe triste Chiappariello,
nun ride maje, nun dice 'na parola.
Pare 'nu viecchio 'stu carceratiello,
lègge 'o giurnale e nun è ghiuto â scola.
'A notte penza â mamma e penza ê frate,
penza ca nun vo' fá cchiù cose 'e male,
pe nun addeventá comm'a chist'ate,
ca giá so' delinquente abituale.
 
E ora è sempre triste Chiapparello,
non ride mai, non dice una parola.
Sembra un vecchio questo trovatello,
legge il giornale e non è andato a scuola.
La notte pensa alla mamma e pensa ai fratelli,
pensa che non vuol fare più qualcosa di male,
per non diventare come tutti questi altri,
che sono già delinquenti abituali.
 
Chiappariello, Chiappariello,
………………………………
 
Chiappariello, Chiappariello,
………………………………
 
'Sti mariuncielle sguígliano a migliara
e 'a polizia nun po' fá quase niente.
"Pe 'mmiez'â via nun stamme cchiù sicure,
è 'na piaga, è 'nu scuorno" dice 'a gente.
Songo 'nu scuorno, sí, pe tutte quante
ca nun lle damme 'o studio o 'n'arte ê mmane.
Ca, forse, nun sarríano malamente,
si 'a societá lle desse 'nu dimane.
 
Questi ladruncoli scorazzano a migliaia
e la polizia non può fare quasi niente.
"In mezzo alla strada non siamo più sicuri,
è una piaga, è una vergogna" dice la gente.
Sono una vergogna, sì, per tutti
che non gli diamo uno studio o un mestiere.
Che, forse, non sarebbero cattivi,
se la società desse loro un domani.
 
Chiappariello, Chiappariello,
………………………………
Chiappariello, Chiappariello,
………………………………

La canzone, cantata da Sergio Bruni, è inserita nell’album “Levate ‘a maschera Pulicenella”, pubblicato nel 1976. Successivamente il brano è stato riproposto anche da altri artisti, tra cui Nino D’Angelo.
1 Chiappariello è un vezzeggiativo che viene usato come soprannome per persone magre e piccole di statura.
2 L'ex carcere minorile "Filangieri" fu realizzato sfruttando e modificando gli ambienti del seicentesco convento del Complesso di San Francesco delle Cappuccinelle, soppresso da Gioacchino Murat nel 1809. E' ubicato in Salita Pontecorvo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia