CHITARRELLA… CHITARRE'


musicaGiuseppe Cioffi testoLuigi Cioffi data1953


 
'Na biundulella,
'na brunettella,
'nu balcunciello,
rose e garuofane.
Ddoje figliulelle,
ddoje pupatelle
co ddoje vucelle,
suspire 'e Napule.
Ago e cuttone,
sole e canzone.
Jurnate sane
for'ô balcone
'sti ffigliulelle,
'sti ssartulelle
ca d' 'a 'Nfranscata1 so' 'e pupatelle.
 
Una biondina,
una brunetta,
un balconcino,
rose e garofani.
Due ragazzine,
due bamboline
con due voci,
sospiri di Napoli.
Ago e cotone,
sole e canzoni.
Giornate intere
fuori al balcone
queste ragazzine,
queste sarte
che della 'Nfranscata1 sono le bamboline.
 
Chitarella, chitarrè,
cuntale 'o fatto
comm'è gghiuto, chitarrè,
che succedette?
Passaje 'nu giuvinotto ammartenato2
e una 'e lloro avette 'na 'mmasciata.
Ma 'a bruna canta e 'a bionda sta malata, chitarrè,
'ncopp'a 'sta casarella d' 'a 'Nfrascata,
chitarrè.
 
Chitarella, chitarrella,
raccontale il fatto
com'è andato, chitarrella,
che successe?
Passò un giovanotto spavaldo2
e una di loro ricevette una proposta.
Ma la bruna canta e la bionda è malata, chitarrella,
in questa casetta della 'Nfrascata,
chitarrè.
 
'Sta biundulella,
'sta brunettella
'stu balcunciello,
ma quanta lacreme.
'Sti ffigliulelle,
'sti pupatelle,
'sti nenne belle
pecchè nun cantano?
P' 'o stesso ammore,
dint'a dduie core,
parole amare
tra sora e sora.
Addio canzone
pe 'sta passione,
mo una è l'ago e 'n'ata 'o cuttone.
 
Questa biondina,
questa brunetta
questo balconcino,
ma quante lacrime.
Queste ragazzine,
queste bamboline,
queste ragazze belle
perchè non cantano?
Per lo stesso amore,
in due cuori,
parole amare
tra sorelle.
Addio canzoni
per questa passione,
ora una è ' e l'altra il cotone.
 
Chitarella, chitarrè,
…………………
 
Chitarella, chitarrella,
…………………
 
Chitarrè,
stammoce zitti,
ch'a 'stu punto, chitarrè,
cchiù triste è 'o fatto.
Songh'io 'stu giuvinotto ammartenato.
Pe colpa mia 'o purtone sta 'nzerrato,
'a bionda è morta e 'a bruna mm'ha lassato,
chitarrè.
E io chiagno 'mmiez'â strada d' 'a 'Nfrascata,
chitarrè.
Chitarrella,
stiamo zitti
che a questo punto, chitarrella,
più triste è il fatto.
Sono io questo giovanotto spavaldo.
Per colpa mia il portone è chiuso,
la bionda è morta e la bruna mi ha lasciato,
chitarrella.
E io piango in mezzo alla strada della 'Nfrascata,
chitarrella.

Il brano fu lanciato da Sergio Bruni alla Festa di Piedigrotta. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Luciano Tajoli, Alberto Berri, Mario Trevi, Giacomo Rondinella e Roberto Murolo.
1 'A 'Nfrascata è l'antico nome usato per l'attuale Via Salvator Rosa, che nacque per collegare la collina del Vomero (dove, tra il XVI e il XVII secolo, la nobiltà spagnola aveva iniziato a costruire sontuose dimore) e il centro della città. Il termine "'Nfrascata" rimane nel dialetto a ricordare quei tempi, prima dell'urbanizzazione, in cui c'erano, appunto, le "frasche", cioè le foglie degli alberi che portavano ombra e refrigerio.
2 Il termine "Ammartenato" è usato per indicare una persona gradassa e spavalda che si atteggia come tale. Potrebbe derivare da "Martino", che in gergo malavitoso indica il coltello, o dal latino "martis natus", letteralmente "figlio di Marte".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia