DINCELLO TU


musica testoGaetano Amendola data1956


 
'Na sera senza luna
c' 'o core scuro scuro
nun l'aggio cchiù truvata
a m'aspettà.
E torno tutt' 'e ssere
sperduto a 'stu puntone,
ma passo 'e notte chiare
a m' 'a sunnà.
 
Una sera senza luna
con il cuore scuro scuro
non l'ho più trovata
ad aspettarmi.
E torno tutte le sere
sperduto a quest'angolo della strada,
ma passo le notti chiare
a sognarmela.
 
Oje luna, lu',
dincello tu
c' 'a voglio sempe bene.
Dincello tu
c' 'a nun m' 'a scordo cchiù.
 
O luna, lu',
diglielo tu
che le voglio sempre bene.
Diglielo tu
che non me la dimentico più.
 
So' tale e quale a te,
ca luce pecchè a te
fa luce 'o sole.
Dincello tu,
fammella riturnà.
 
Sono tale e quale a te,
che splendi perchè a te
fa luce il sole.
Diglielo tu,
fammela ritornare.
 
'Na varca senza rimme
me pare 'a vita mia,
ca mmiez'ô mare
nun sape turnà.
S' 'a porta sulamente
'na zefera 'e speranza.
Si chella torna.
nun m' 'a fà affunnà,
oje mare, ma'.
 
Una barca senza remi
mi sembra la vita mia,
che in mezzo al mare
non sa tornare.
La spinge solamente
un refolo di speranza.
Se quella torna.
non me la far affondare,
o mare, ma'.
 
So' tale e quale a te,
ca tuorne a risciatà
si sponta 'o sole.
Dincello tu,
fammella riturnà.
 
Sono tale e quale a te,
che torni a rifiatare
se spunta il sole.
Diglielo tu,
fammela ritornare.
 
Oje luna, lu',
oje mare, ma',
facitela turnà.
O luna, lu',
o mare, ma',
fatela tornare.

Il brano fu presentato al quarto Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 21 al 23 giugno. Nell’occasione fu cantato da Claudio Villa e Franco Ricci, piazzandosi al terzo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Amedeo Pariante e Giacomo Rondinella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia