GUARDANNO 'O MARE


musicaAttilio Staffelli testoClemente Aurino data1956


 
Luceno 'e stelle stasera,
brillano 'st'onne d' 'o mare,
mille so' 'e vvele e 'llampare
mille so' 'e vvoce a cantà.
 
Splendono le stelle stasera,
brillano queste onde del mare,
mille sono le vele e le lampare
mille sono le voci a cantare.
 
'Nu riturnello 'e canzone
'o porta ll'eco luntano
a chi sta triste e vo' bene,
a chi sta ll'onne a guardà.
 
Un ritornello di canzone
lo porta l'eco lontano
a chi è triste e vuole bene,
a chi sta le onde a guardare.
 
Veneno e vanno
chest'onne capricciose
'ncopp'a 'sta rena 'nfosa
senza s'arrepusà.
 
Vanno e vengono
queste onde capricciose
su questa sabbia bagnata
senza risposarsi.
 
Veneno e vanno
e comm'a te me fanno
ca pure dint'ô suonno
me viene a turmentà.
 
Vanno e vengono
e mi fanno come te
che anche nel sonno
mi vieni a tormentare.
 
Quanto cchiù sbatte 'stu mare,
tanto cchiù sbatte 'stu core
e 'nzieme a ll'eco che more
mille penziere sto' a ffà.
 
Quanto più sbatte questo mare,
tanto più sbatte questo core
e insieme all'eco che muore
mille pensieri sto a fare.
 
Veco ca tremmano 'st'onne,
dico è passato 'n'at'anno,
come fa friddo… è già vierno.
Core, che tiene 'a sperà?
 
Vedo che tremano queste onde,
dico è passato un altro anno,
come fa freddo… è già inverno.
Core, che cos'hai da sperare?
 
Sî comme a ll'onne,
'nfama, ca nun t'arrienne.
Vieneme 'a notte 'nzuonno,
vieneme a turmentà.
Sei come le onde,
infame, che non ti arrendi.
Vienimi la notte in sogno,
vienimi a tormentare.

Il brano fu presentato al quarto Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 21 al 23 giugno. Nell’occasione, fu cantato da Claudio Villa e Pina Lamara. Tra le altre interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Fausto Cigliano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia