IO ME N'ADDONO


musicaErnesto De Curtis testoEdoardo Nicolardi data1941


 
Me lasse, io me n'addono
ca tu me vaje lassanno, chiano chiano.
Tu m'abbandune,
tu ca me staje vicino
mentre 'e penziere tuje stanno luntano.
 
Me lasci, io me ne accorgo
che tu mi stai lasciando, piano piano.
Tu mi abbandoni,
tu che mi stai vicino
mentre i tuoi pensieri stanno lontano.
 
Fredda è 'sta mana.
Me vase e pienze a 'n'ato ca vuò bbene.
Dio t' 'o pperdona
si astrinto a tte me tiene
e m'alluntane.
Pecché me vuò lassà?
Io moro senza 'e te.
 
Fredda è questa mano.
Mi baci e pensi a un altro a cui vuoi bene.
Dio te lo perdona
se stretto a te mi tieni
e mi allontani.
Perché mi vuoi lasciare?
Io muoio senza di te.
 
Me parle, ma i' nun sento
parole doce e frennesia d'amante.
E me turmento,
e m'annasconno 'o chianto
penzanno ca te perdo ogne mumento.
 
Mi parli, ma io non sento
parole dolci e frenesia d'amante.
E mi tormento,
e nascondo il pianto
pensando che ti perdo in ogni momento.
 
Fredda è 'sta mana.
Me vase e pienze a 'n'ato ca vuò bbene.
Dio t' 'o pperdona
si astrinto a tte me tiene
e m'alluntane.
Pecché me vuò lassà?
Io moro senza 'e te.
Fredda è questa mano.
Mi baci e pensi a un altro a cui vuoi bene.
Dio te lo perdona
se stretto a te mi tieni
e mi allontani.
Perché mi vuoi lasciare?
Io muoio senza di te.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia