LA GROTTA AZZURRA


dataXVIII secolo


 
Jammo, nennélla mia,
giá la varchetta è pronta.
'Sto core è 'n'allegría,
te dice: "Viene, vié"
e dint'â Grotta Azzurra
haje da vení co'mme.
 
Andiamo, amore mio,
la barchetta è già pronta.
Questo cuore è allegro,
ti dice: "Viene, vieni"
e nella Grotta Azzurra
devi venire con me.
 
Vide, tra li ccampagne,
Meta, Sorriento e Vico,
de Massa li mmontagne,
sfílano 'nnanze a te.
E dint'â Grotta Azzurra
t'abbracciarraje co' me.
 
Vedi, tra le campagne,
Meta, Sorrento e Vico.
le montagne di Massa,
sfilano davanti a te.
E nella Grotta Azzurra
ti abbracciai.
 
Mo ca te tengo a lato,
'ncopp'a 'sta varca mia
pare ca mo so' nato
lo cielo pe godé.
Jammo a la Grotta Azzurra,
voglio morí co'tte.
 
Ora che sei al mio fianco,
su questa barca mia,
mi sembra di essere nato ora
per godermi il cielo.
Andiamo nella Grotta Azzurra,
voglio morire con te.
 
Acálate 'no poco,
stentato è lo passaggio.
Jarría dint'a lo ffuoco
pe stá vicino a te.
Chest'è la Grotta Azzurra
non haje cchiù che bedé.
Abbassati un po':
il passaggio è stretto.
Andrei nel fuoco
per stare vicino a te.
Questa è la Grotta Azzurra
non più niente da vedere.

La canzone, risalente al XVIII secolo, dimostra che la Grotta Azzurra di Capri fosse già conosciuta ben prima della sua riscoperta 1826, quando fu visitata dall’artista tedesco August Kopisch. Risultano successive rielaborazioni nel 1870 e nel 1889. Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Fausto Cigliano e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia