LL'URDEMO BICCHIERE


musicaGiuseppe Anepeta testoCristofaro Letico data1935


 
Padrone, ve saluto,
mettitamillo 'nu bicchiere 'e vino.
 
Padrone, vi saluto,
versatemi un bicchiere di vino.
 
Tenevo 'a fede e 'a fede aggio perduto.
Ero guaglione e mo mme so' 'nvicchiato.
Ce steva 'na perzona e se n'è ghiuta.
Era ll'ammore e 'ammore mm'ha lassato.
E ce vevimmo 'a coppa e cu salute.
 
Avevo fede e la fede ho perso.
Ero ragazzo ed ora sono invecchiato.
C'era una persona e se ne è andata.
Era l'amore e l'amore mi ha lasciato.
E ci beviamo la coppa e con salute.
 
Padró, 'n'atu bicchiere 'e vino,
niro comm'a chi porta 'o llutto astritto
ce lo vogliamo bere
per quest'amore scunzulato e afflitto.
 
Padrone, un altro bicchiere di vino,
nero come chi porta il lutto stretto
lo vogliamo bere
per quest'amore sconsolato e afflitto.
 
Chistu core, si nun piglia 'na pella1,
mme sonno tutt' 'e nnotte la mia bella.
 
Questo cuore, se non si prende una prostituta1,
sogno tutte le notti la mia bella.
 
Ammore ammore, e comme, te ne vaje?
Mme viene 'nzuonno, ride e mme turmiente?
Io ch'ero 'n'ommo e mo so' 'nu sciacquante2.
Io ch'ero guappo3 e mo so' 'n'ommo 'e niente
mme 'mbriaco e bonanotte a tuttuquante.
 
Amore amore, come, te ne vai?
Mi vieni in sogno, ridi e mi tormenti?
Io che ero uomo e ora sono sciacquante2.
Io che ero guappo3 e ora non sono niente
mi ubriaco e buonanotte a tutti.
 
Embé, cu 'na penzata 'e bello,
mo ca 'o lucále 'nzèrra a tarda sera,
una botta 'e curtiello
sott'a 'stu scemo 'e core e bonasera.
E currite, chiammate 'o canteniere.
No, nun è niente, è' ll'urdemo bicchiere.
 
Ora, con una bella pensata,
ora che il locale chiude a tarda sera,
una coltellata
sotto a questo stupido cuore e buonasera.
E correte, chiamate l'oste.
No, non è niente, è l'ultimo bicchiere.
 
'N'atu bicchiere 'e vino,
niro comme chi porta 'o llutto astritto.
Ammore te saluto.
Poche minute e po me ne so' ghiuto.
 
Un altro bicchiere di vino,
nero come chi porta il lutto stretto.
Amore ti saluto.
Pochi minuti e poi me ne sarò andato.
 
Gente ca state attuorno al morituro,
menáte 'stu 'mbriaco sott'ô muro.
Gente che state intorno al morituro,
gettate questo ubriaco sotto al muro.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Mario Merola.
1 L'espressione "Pigliarse 'na pella" significa letteralmente "Prendersi una pelle". Ma il termine pelle non indica solo la pelle umana, ma viene associato per metinomia ad una prostituta, che proprio della pelle e del corpo fa ampio uso per il suo mestiere. La stessa traslazione di significato avveniva anche in tempi più antico con la lingua latina, quando con il termine "scortum" (pelle) si indicava una donna di facili costumi.
2 Sciacquante era il nome che si dava ai clienti abitudinari di una cantina che prendevano da soli il vino dalle damigiane e, prima, si sciacquavano il bicchiere con dell'acqua.
3 Il guappo è una figura tipica dell'universo popolare napoletano. Originariamente, rappresenta l'immagine dell'uomo d'onore gentiluomo e romantico, pronto a dirimere le controversie tra le persone e a convincere i giovanotti che avevano messo incinta qualche ragazza a mettere la testa a posto e a sposarla. La parola "guappo" deriva dallo spagnolo "guapo" (bello), origine dovuta al fatto che il guappo si è sempre distinto per l'abbigliamento curato e eccessivo, una postura particolare tesa all'ostentazione di se stesso e una cura maniacale del proprio aspetto fisico. Nel 1900, la figura del guappo comincia ad essere associata alla criminalità organizzata, diventa un imprenditore criminale che svolge soprattutto attività di controllo sui commerci di prodotti ortofrutticoli, molto violento con i suoi avversari e, di contro, molto protettivo con i suoi adepti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia