MANDULINO 'E SANTA LUCIA


musicaLuigi Ricciardi testoVincenzo De Crescenzo data1962


 
Te voglio fà sentì c' 'o mandulino
tutt' 'e ccanzone belle napulitane.
Bella straniera, ca me staje vicino
e vuò partì c' 'o treno primma 'e dimane,
si vuò partì, nisciuno te trattene,
ma si nun cride comme nasce 'o bbene,
t' 'o ponno dì 'e ccanzone d' 'a casa mia.
Siente 'stu mandulino 'e Santa Lucia.
 
Ti voglio far sentire con il mandolino
tutte le canzoni belle napoletane.
Bella straniera, che mi stai vicino
e vuoi partire con il treno prima di domani,
se vuoi partire, nessuno ti trattiene,
ma si non crede a come nasce il bene,
te lo possono dire le canzoni di casa mia.
Senti questo mandolino di Santa Lucia.
 
Siente, siente 'o mandulino,
comm'è ddoce 'o mandulino.
Saglie ncielo e scenne cca,
te vo' parlà.
 
Senti, senti il mandulino,
com'è dolce il mandolino.
Sale in cielo e scende qua,
ti vuole parlare.
 
Mandulino a riva 'e mare,
ch'è sunato fino ajere
pe 'sta bella furastiera
'nnammurata 'e 'sta città,
dincello tu si vo' restà,
mentre le dico: "Vuò sentì 'e cantà?"
 
Mandolino in riva al mare,
che è suonato fino a ieri
per questa bella straniera
innamorata di questa città,
diglielo tu se vuole restare,
mentre le dico: "Vuoi sentir cantare?"
 
Te voglio fà sentì c' 'o mandulino
tutt' 'e ccanzone belle napulitane.
Bella straniera, ca mme staje vicino
e vuò partì c' 'o treno primma 'e dimane,
si vuò partì, nisciuno te trattene,
ma si nun cride comme nasce 'o bbene,
t' 'o ponno dì 'e ccanzone d' 'a casa mia.
Siente 'stu mandulino 'e Santa Lucia.
 
Ti voglio far sentire con il mandolino
tutte le canzoni belle napoletane.
Bella straniera, che mi stai vicino
e vuoi partire con il treno prima di domani,
se vuoi partire, nessuno ti trattiene,
ma si non crede a come nasce il bene,
te lo possono dire le canzoni di casa mia.
Senti questo mandolino di Santa Lucia.
 
Siente, siente 'o mandulino,
comm'è ddoce 'o mandulino.
Saglie 'ncielo e scenne cca,
te vo' parlà.
Bella straniera, ca mme staje vicino
e vuò partì c' 'o treno primma 'e dimane,
si vuò partì, nisciuno te trattene,
ma si nun cride comme nasce 'o bbene,
t' 'o ponno dì 'e ccanzone d' 'a casa mia.
Siente 'stu mandulino 'e Santa Lucia.
 
Senti, senti il mandulino,
com'è dolce il mandolino.
Sale in cielo e scende qua,
ti vuole parlare.
Bella straniera, che mi stai vicino
e vuoi partire con il treno prima di domani,
se vuoi partire, nessuno ti trattiene,
ma si non crede a come nasce il bene,
te lo possono dire le canzoni di casa mia.
Senti questo mandolino di Santa Lucia.

 
Siente, siente 'o mandulino,
comm'è ddoce 'o mandulino.
Saglie 'ncielo e scenne cca,
te vo' parlà.
'A cunusce 'sta canzone?
Tutt' 'o munno 'a canta e 'a sona
"jammo, jammo, 'ncoppa jammo ja'".
Nun me lassà.
Senti, senti il mandolino,
com'è dolce il mandolino.
Sale in cielo e scende qua,
ti vuole parlare.
La conusci questa canzone?
Tutto il monda la canta e la suona
"jammo, jammo, 'ncoppa jammo ja'".
Non mi lasciare.

Il brano fu presentato alla decima edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne a Napoli dal 13 al 15 luglio. Nell’occasione, fu cantato da Mario Abbate e Giacomo Rondinella, piazzandosi al sesto posto, le cui versioni differiscono leggermente nel testo e nell’alternarsi delle strofe (per esempio, nella versione di Mario Abbatte la “bella straniera” diventa “bionda straniera”. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Enzo Del Forno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia