MANDULINATA BLU


musicaSalvatore Mazzocco testoUmberto Martucci data1962


 
E' 'na pagina 'e musica 'o cielo,
corde 'e argiento so' 'e raggi d' 'a luna,
'ngopp'all'onne, vicine e luntane,
voci d'anagelo sento 'e cantà
sulo chesta musica
e po niente cchiù.
Mandulinata 'e Napule,
mandulinata blu.
 
E' una pagina di muscia il cielo,
corde d'argento sono i raggi della luna,
sulle onde, vicine e lontane,
voci d'angelo sento cantare
solo questa musica
e poi niente più.
Mandolinata di Napoli,
mandolinata blu.
 
Mentre dint'â nuttata
'sta mandulinata suspira pe tte,
'o cchiù doce d' 'e suonne
tu te suonne cu mme.
Pe 'na strada d'argiento
stasera chest'onne
ce portano, oje nè,
dint'â barca sperduta
ce addurmimme abbracciate,
mentre dint'â nuttata
'sta mandulinata suspira pe tte.
 
Mentre nella notte
questa mandolinata sospira per te,
il più dolce dei sogni,
tu sogni con me.
Per una strada d'argento
stasera queste onde
ci portano, o amore,
nella barca sperduta
ci addormentiamo abbracciati,
mentre nella notte
questa mandolinata sospira per te.
 
So' 'sti braccia catene d'ammore,
'sti capille 'nu manto lucente,
fronn' 'e rose è 'sta vocca nnucente
ca me vaso e suspiro pe tte.
Tutt' 'e stelle 'e Napule,
si me guarde tu,
ammore mio, se specchiano
dint' 'a chist'uocchie blu.
Sono queste braccia catene d'amore,
questi capille un manto splendente,
petali di rosa è questa bocca innocente
che mi bacia e sospiro per te.
Tutte le stelle di Napule,
se mi guardi tu,
amore mio, se specchiano
in questi occhi blu.
 
Mentre dint'â nuttata
…………
 
Mentre nella notte
…………
 
Pe 'na strada d'argiento
stasera chest'onne
ce portano, oje nè,
dint'â barca sperduta
ce addurmimme abbracciate,
mentre dint'â nuttata
'sta mandulinata suspira pe tte
 
Per una strada d'argento
stasera queste onde
ci portano, o amore,
nella barca sperduta
ci addormentiamo abbracciati,
mentre nella notte
questa mandolinata sospira per te.
 
Mandulinata blu.
Mandulinata blu.
Mandolinata blu.
Mandolinata blu.

Il brano fu presentato durante il Gran Festival di Piedigrotta, che si tenne dal 28 al 30 dicembre al Teatro Mediterraneo. Nell’occasione fu cantato da Mario Trevi ed Emilio Pericoli, piazzandosi al primo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Claudio Villa, Mario Abbate, Pino Mauro e Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia