MARONNA MIA


musica testoPino Daniele data1977


 
Maronna mia, Maronna mia,
s'hanno arrubato 'e sorde,
comme faccio, comme 'a metto a nomme?
So' state dduje guagliune, ddueje guagliune muccusielli,
s'hanno arrubbato 'e sorde e pure 'aniello.
 
Madonna mia, Madonna mia,
mi hanno rubato i soldi,
come faccio, come la risolvo?
Sono stati due ragazzi, due ragazzi mocciosi,
hanno rubato i soldi e anche l'anello.
 
Maronna mia, Maronna mia,
era 'a primma mesata,
chi nce 'o ddice, chi nce 'o ddice â casa?
E si ll'ancappo, si ll'ancappo saje che succede?
Nce faccio 'o mazzo tanto.
 
Madonna mia, Madonna mia,
era il primo stipendio,
chi glie lo dice, chi glie lo dice a casa?
E se li acchiappo, se li acchiappo sai che succede?
Faccio loro un culo così.
 
Maronna mia, Maronna mia,
era chillu guaglione.
Uè viene cca, uè viene cca, nun fà l'indiano
che faje abbedè, che faje abbedè ca nun saje niente,
steva tutta chesta gente.
 
Madonna mia, Madonna mia,
era quel ragazzo.
Uè vieni qua, uè vieni qua, nun fare l'indiano
che fai vedere, che fai vedere che non sai niente,
c'era tutta questa gente.
 
Ma che succede?
Chesta gente nun me vo' aiutà.
E' gente 'e niente.
Ma che succede?
Questa gente non mi vuole aiutare.
E' gente insignificante.

La canzone fa parte di "Terra Mia", album di esordio di Pino Daniele. Il brano racconta di una rapina fatta da due ragazzini ai danni del protagonista che, cercando aiuto nella gente che aveva assistito al fatto, finisce solo per scontrarsi con un muro di omertà.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia