NAPULE BELLO


musicaGiuseppe De Gregorio testoPasquale Cinquegrana data1898


 
Che bella luna, ch'aria,
ch'argiento 'mmiez'ô mare.

Ch'argiento 'mmiez'ô mare.

Rusì, stasera Napule,
cchiù bella assaje mme pare.

Cchiù bella assaje ce pare.
 
Che bella luna, che aria,
che argento in mezzo al mare.

Che argento in mezzo al mare.

Rosina, stasera Napoli
molto più bella mi sembra.

Molto più bella mi sembra.
 
Ce vo', pe fà 'nu quadro,
'sta coppia sulamente.
'O manduline 'o siente?
A luna 'a vide o no?

Napule, Napule,
Napule, Nà.
 
Ci vuole, per fare un quadro,
questa coppia soltanto.
Il mandolino lo senti?
La luna la vedi o no?

Napoli, Napoli,
Napoli, Nà.
 
Napule è comm' 'a femmena,
te fa venì 'o gulìo.
Apprimma, core mio
e doppo, frusta 'a lla.
E nfrìnghete, nfrìnghete, nfrà,
nfrùnghete, nfrùnghete, nfrù.
 
Napoli è come una donna,
ti venire la voglia.
Prima, cuore mio
e poi via di là.
E nfrìnghete, nfrìnghete, nfrà,
nfrùnghete, nfrùnghete, nfrù.
 
Napule, bello mio,
sî sempe tu,
sî sempe tu.
 
Napoli, bello mio,
sei sempre tu,
sei sempre tu.
 
Stasera, â parte 'e Frísio,
Rusì, purtà te voglio.

Rusì', purtà te voglio.

'Nu vermiciello a vongole,
dduje purpetielle 'e scoglio.

Dduje purpetielle 'e scoglio.
 
Stasera, dalle parti di Frisio,
Rosinaa, portare ti voglio.

Rosa, portare ti voglio.

Dei vermicelli con le vongole,
due polipi di scoglio.

Due polipi di scoglio.
 
'Nnanze tien' 'o Vesuvio,
'e fianco, San Martino,
sotto tiene 'o ciardino,
'o mare 'a cca e 'a lla.

Napule, Napule,
Napule, Nà.
 
Di fronte hai il Vesuvio,
di fianco San Martino,
sotto hai il giardino,
il mare di qua e di là.

Napoli, Napoli,
Napoli, Nà.
 
Napule è comm' 'a femmena,
………………………………….
 
Napoli è come una donna,
………………………………
 
'Stu cielo è 'nu 'ncantésemo,
'stu mare è 'nu splendore.

'Stu mare è 'nu splendore.

Bell'aria fresca, tràseme
addó sta Rosa, 'ncòre.

Addó sta Rosa, 'ncòre.
 
Questo cielo è un incantesimo,
questo mare è uno splendore.

Questo mare è uno splendore.

Bell'aria fresca, entrami
dove sta Rosa, nel cuore.

Dove sta Rosa, nel cuore.
 
Arpeggia 'o mandulino,
pizzeca 'a chitarrella.
Rusì, 'na sunatella,
doppo 'o ccafé ce vo'.

Napule, Napule,
Napule, Nà.
 
Arpeggia il mandolino,
pizzica la chitarrina.
Rosinaa, una suonatina
dopo il caffè ci vuole.

Napoli, Napoli,
Napoli, Nà.
 
Napule è comm' 'a femmena,
………………………………….
Napoli è come una donna,
………………………………

La canzone partecipò al concorso indetto dall’editore Bideri per il suo periodico “La Tavola Rotonda”, piazzandosi al primo posto. Tra le interpretazione di questa canzone, ricordiamo quelle di Francesco Albanese e Giacomo Rondinella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia