NAPULE CA NUN MORE


musicaGiuseppe Bonavolontà testoTito Manlio data1939


 
Oje furastèra ca t'abbracce Napule
cu 'na guardata sola.
E vaje truvanno, da 'stu cielo splendido,
'na voce ca cunzola.
'Sta voce ca te piglia ogne mumento,
nun so' chitarre e nun so' manduline,
è 'o sole, ll'aria ca, pe 'dò cammine,
è tutta 'na canzone attuorno a te.
 
O straniera che abbracci Napoli
con uno sguardo solo.
E chiedi, a questo cielo splendido,
una voce che consola.
Questa voce che ti prende in ogni momento,
non sono chitarre e non sono mandolini,
è il sole, l'aria che, dove cammini,
è tutta una canzone intorno a te.
 
E' 'na musica 'a gente 'e 'stu paese.
E' 'na musica ca saglie 'mparaviso,
e saglie pallida,
scurnosa 'e dicere:
"Voglio cantà".
Po appassa 'e nnuvole,
po sbarca a ll'estero
pe dì: "Sto' cca".
 
E' una musica la gente di questo paese.
E' una musica che sale in paradiso,
e sale pallida,
timida nel dire:
"Voglio cantare".
Poi passa le nuvole,
poi sbarca all'estero
per dire: "Io sono qua".
 
Chisto è Napule,
paese ca nun more,
ch'arrassumiglia â femmena,
ammore e tuósseco
ce sape dà.
 
Questo è Napoli,
paese che non muore.
che assomiglia a una donna,
amore e rabbia
ci sa dare.
 
Oje furastèra che mm'hê visto chiagnere
'na lacrema d'ammore.
'A gioja ca dint'a ll'uocchie mme puó lèggere,
'a tengo dint'ô core.
Tu vuó sapé ched è 'sta voce amante,
ca, 'e notte, ce avvicina puntualmente?
E' smania, è desiderio 'e vócche ardente
ca ce 'ncatena e nun ce lassa cchiù.
 
O straniera che mi hai visto piangere
una lacrima d'amore.
La gioia che negli occhi mi puoi leggere,
ce l'ho nel cuore.
Tu vuoi sapere cos'è questa voce amante
che, di notte, ci avvicina puntualmente?
E’ voglia, desiderio ardente di bocche
che ci incatena e non ci lascia più.
 
E' 'na musica, 'a gente 'e stu paese.
E' 'na musica ca saglie 'mparaviso.
Che bell'interprete
ch'è 'stu Pusilleco
d' 'e ssere 'està.
Ddoje vócche estranee,
nun so' cchiù estranee,
si stanno cca.
 
E' una musica la gente di questo paese.
E' una musica che sale in paradiso.
Che bell'interprete
che è questo Posillipo
delle sere d'estate.
Due bocche estranee,
non sono più estranee,
se stanno qua.
 
Chisto è Napule,
paese ca nun more,
ch'arrassumiglia â femmena,
ammore e tuósseco
ce sape dà.
Questo è Napoli,
paese che non muore,
che somiglia a una donna,
amore e veleno
ci sa dare.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Francesco Albanese, Tito Schipa e Vittorio De Sica. Nel 1939 il brano ispirò il film dal titolo “Napoli che non muore”, diretto da Amleto Palermi, in cui viene riprodotta la versione di Francesco Albanese.

Un commento su “Napule ca nun more

  1. Bellissima canzone,degna di essere annoverata tra le piu’ grandi canzoni classiche napoletane.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia