NISCIUNO PO' SAPÈ


musicaDomenico Modugno testoRiccardo Pazzaglia data1955


 
Viento ca se leva,
mare ca se smove,
sole quanno chiove
sî pe mme.
Fredda cchiù d' 'a luna,
janca cchiù d' 'a neva,
triste cchiù 'e 'na freva,
ma pecchè?
 
Vento che si leva,
mare che si smuove,
sole quando piove
sei per me.
Fredda più della luna,
bianca più della neve,
triste più di una febbre,
ma perchè?
 
Nisciuno po' sapè,
nisciuno,
pecchè me faje suffrì…
nisciuno…
Chi sta abbracciato a te
sta sulo,
sulo 'o profumo 'e te
fa male.
 
Nessuno può sapere,
nessuno,
perchè mi fai soffrire…
nessuno…
Chi sta abbracciato a te
sta solo,
solo il profumo di te
fa male.
 
E pe spezzalla 'sta malia
parto pe te scurdà p' 'a via.
Ma si me manne a dì
“Rimane”,
io corro a te vasà
'sti mmane.
 
E per spezzarlo questo incantesimo
parto per dimenticarti per la via.
Ma se mi mandi a dire
“Rimani”,
io corro a baciarti
queste mani.
 
E pe spezzalla 'sta malia
………………………
E per spezzarlo questo incantesimo
………………………

Il brano fu lanciato dallo stesso Modugno insieme a “Mese ‘e settembre”, prime due canzoni in napoletano nate dalla collaborazione con Pazzaglia. Dato il discreto successo, la canzone fu ripubblicata tre anni dopo come retro di “Nel blu dipinto di blu”. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quella di Josè Carreras.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia