NOTE D'AMMORE


musicaLuigi Vinci testoAttilio Romanelli data1960


 
E scorrono lente 'sti ddete,
tremmanno pe 'ncopp'â tastiera.
'Stu core ca maje s'acquieta
pur'isso tremmanno mo sta.
 
E scorrono lente queste dita,
tremando sulla tastiera.
Questo cuore che mai si quieta
anche lui tremando ora sta.
 
Se scetano note d'ammore,
mo doce, mo triste, mo allere,
purtanno 'e ricorde 'e 'stu core,
ricorde luntane passate.
Ricorde luntane d'ammore.
 
Si svegliano note d'amore,
ora dolci, ora tristi, ora allegre,
portando i ricordi di questo cuore,
ricordi lontani passati.
Ricorde lontani d'amore.
 
E ll'ombra d' 'e suonne 'e 'na vota
mo torna, 'sta musica 'o ddice.
Nun sonano, parlano 'e nnote.
Si smania 'stu core, che fa?
 
E l'ombra dei sogni di una volta
ora torna, questa musica lo dice.
Non suonano, parlano le note.
Se smania questo cuore, che importa?
 
Se scetano note d'ammore,
………………………
 
Si svegliano note d'amore,
………………………
 
Se scetano note d'ammore. Si svegliano note d'amore.

Il brano fu presentato all’ottava edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 14 al 16 giugno. Nell’occasione fu cantato da Jula de Palma e Tullio Pane. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Trevi, Mario Abbate e Luciano Virgili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia