NUN 'A PENZO PROPRIO CCHIU'


musicaGaetano Lama testoVincenzo Capillo data1948


 
Quanta vote mme 'ncuntrate,
sempe 'o ssolito parlà.
Io già saccio 'sta 'mmasciata,
chi ve manna è chella lla.
Mme dicite ca Maria,
senza 'e me, ne po' murì?
Io cunosco 'a malatia,
nun 'a voglio cchiù sentì.
 
Quante volte mi incontrate,
sempre il solito parlare.
Io già conosco questo messaggio,
chi vi manda è quella là.
Mi dite che Maria,
senza di me, può morire?
Io conosco la malattia,
non la voglio più sentire.
 
Mme facite 'nu favore?
Si 'a 'ncuntrate lle dicite
ca mm' 'a songo già scurdata,
nun 'a penzo proprio cchiù.
Si po chiagnere 'a vedite
cu chill'uocchie 'e santità,
io ve prego, nn' 'a credite,
chella è tutta 'nfamità.
 
Mi fate un favore?
Se la incontrate ditele
che me la sono già dimenticata,
non la penso proprio più.
Se poi piangere la vedete
con quegli occhi da santa,
vi prego, non le credete,
quella è tutta cattiveria.
 
Mo s'è fatta santarella,
se va spisso a cunfessà.
E 'sta bona bizzuchella pure
'e Sante vo' 'ngannà.
Ma 'stu core ch' 'ha chiagnuto
tanta e tanta 'nfamità,
ll'aggio dato a Dio pe vuto
ca mm' 'ha fatto già scurdà.
 
Ora è diventata santa,
va spesso a confessarsi.
E questa buona bigotta anche
i Santi vuole ingannare.
Ma questo cuore che ha pianto
tanta e tanta infamia,
l'ho dato a Dio come voto
che mi ha fatto già dimenticare.
 
Mme facite 'nu favore?
………………………….
 
Mi fate un favore?
…………………….
 
V'aggio ditto 'na buscia,
mo ve dico 'a verità.
Chella è tutta 'a vita mia
si fa pure 'nfamità.
Vi ho detto una bugia,
ora vi dico la verità.
Lei è tutta la mia vita
anche se fa cattiverie.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Francesco Albanese, Amedeo Pariante, Mario Trevi e Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia