'O MARENARO


musicaFrancesco Buongiovanni testoGigi Pisano data1932


 
Signurì, serv'ô 'ccellenza,
si vuje site 'nu signore,
io vulesse avé ll'onore
'e ve dicere chi so'.
 
Signorino, eccellenza,
se siete un signore,
io vorrei aver l'onore
di dirvi chi sono.
 
So' Papèle 'o marenaro,
'o marito 'e Carmenella,
chella tala Lucianella1
ca v'ha fatto sfrennesià.
 
Sono Raffaele il marinaio,
il marito di Carmelina,
quella tale Luciana1
che vi ha fatto innamorare.
 
Ve voglio fà assapé ch' 'a voglio bene,
ca ce simmo spusate pe passione
e mme levasse 'o sango 'a dint'ê vvéne
pe nun lle fà mancà 'nu muorzo 'e pane.
 
Vi voglio far sapere che le voglio bene,
che ci siamo sposati per passione
e mi toglierei il sangue dalle vene
per non farle mancare un pezzo di pane.
 
Vuje, cu 'e rricchezze voste,
cercate 'e v' 'a piglià.
Ma avete fatto i conti senza l'oste,
e ll'oste, signurino mio, sta cca.
 
Voi, con le ricchezze vostre,
cercate di prendervela.
Ma avete fatto i conti senza l'oste,
e l'oste, signorino mio, sta qua.
 
Stammatina, ê ssette e meza,
stevo già a Santa Lucia,
arrischianno 'a vita mia
'mmiez'ô mare a faticà.
 
Stamattina, alle sette e mezza,
stavo già a Santa Lucia,
rischiando la vita mia
in mezzo al mare a lavorare.
 
Stammatina, â casa mia,
addó ce sta scritto "Onore"
è sagliuto 'nu signore
cu 'nu fascio 'e rose thè.
 
Stamattina, a casa mia,
dove c'è scritto "Onore"
è salito un signore
con un mazzo di rose tea.
 
A chi 'e vvuleva dà, ll'immaginate,
però se ll'ha purtate 'n'ata vota.
Io, ca nun songo ricco e so' alfabeto,
si 'o trovo ll'aggi' 'a dì: "Vuje nun servite.
Mógliema Carmenella
nun diciarrà maje sì.
E' onesta. E si tenite 'na sorella,
'o stesso fascio 'e rose ce 'o port'i'".
 
A chi volesse darle, lo immaginate,
però se le è portate via un'altra volta.
Io, che non sono ricco e sono analfabeta,
se lo trovo gli devo dire: "Voi non servite.
Mia moglie Carmelina
non dirà mai sì.
E ' onesta. E se avete una sorella,
lo stresso mazzo di rose ce lo porto io".
 
Ma ched è, v'amariggiate?
'Stu trascurzo nun ve piace?
Vuje v'avit' 'a fà capace
ca 'sta storia ha dda fernì.
 
Ma cos'è, vi amareggiate?
questo discorso non vi piace?
Voi vi dovete rendere conto
che la storia deve finire.
 
Si ve 'ncòccio n'ata vota
ca passate pe 'sta via, giuro:
"Privo 'e mamma mia,
nun ve faccio passá cchiù".
 
Se v'incontro un'altra volta
che passate per questa strada, giuro:
"Su mia madre,
non vi faccio passare più".
 
Ca state armato, nun mme fa paura,
tengo nu vraccio 'e fierro e 'o core 'acciaro.
Io, quanno veco 'a morte, 'a guardo e riro
e levo 'a vita a chi mme leva 'ammore.
Ll'onore mio mm'è caro,
nun mm' 'o levà.
Pecché, si mm'arricordo ca so' marenaro,
te porto 'nfunn'ô mare, 'nziem'a me.
Anche se siete armato, non mi fa paura,
ho un braccio di ferro e il cuore d'acciaio.
Io, quando vedo la morte, la guardo e rido
e tolgo la vita a chi mi toglie l'amore.
Il mio onore mi è caro,
non me lo togliere.
Perchè se mi ricordo che sono marinaio,
ti porto in fondo al mare, insieme a me.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Salvatore Papaccio, Mario Abbate, Antonio Buonomo, Aurelio Fierro e Mario Merola.
1 Le Luciane sono le donne di Santa Lucia, delle quali, in molte poesie e canzoni, veniva celebrata la bellezza.

Un commento su “‘O marenaro

  1. Non conoscevo questa poesia,bella è vera sempre se essiste ancora l’onore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia