SCIOSCIA POPOLO


musicaDomenico Modugno testoEduardo De Filippo data1963


 
Si tiene 'na fenesta,
te la 'nzerrano.
Tiene 'na chianta 'e rose
e ll'hê 'a annasconnere,
'e gabelle ce spogliano.
Pure 'o sciato ce levano,
pure 'o sciato ce levano,
e che ato vuó?
 
Se hai una finestra,
te la chiudono.
Hai una pianta di rose
e le devi nascondere,
le tasse ci spogliano.
Anche il fiato ci tolgono,
anche il fiato ci tolgono,
e che altro vuoi?
 
E pìgliate, pìgliate,
pìgliate pure li figlie.
E tècchete, tècchete,
tècchete pure 'a mugliera.
E zùcate, zùcate,
zùcate pure lu sango.
E zùcate, zùcate,
zùcate pure lu sango,
zùcalo, zùcalo,
zùcalo si vuó zucà.
 
E prenditi, prenditi,
prenditi anche i figli.
Ed eccoti, eccoti,
eccoti anche la moglie.
E succhiati, succhiati,
succhiati anche il sangue.
E succhiati, succhiati,
succhiati anche il sangue,
succhialo, succhialo,
succhialo se vuoi succhiare.
 
Ma,
attiento a te.
'A legna
s'è seccata,
e ca perciò te dico:
"Attiento a te".
 
Ma,
attento a te.
La legna
si è seccata,
e perciò ti dico:
"Attento a te".
 
'A legna,
'a legna,
'a legna s'è seccata.
E quanno è secca e asciutta
piglia fuoco.
 
La legna,
la legna,
la legna si è seccata.
E quando è secca e asciutta
prende fuoco.
 
S'aìza la vampa
e avvampa.
Saglie
e 'ncielo arriva.
E' fiamma viva.
Chi 'a po' stutà?
 
Si alza la fiamma
e divampa.
Sale
e in cielo arriva.
E' fiamma viva.
Chi la può spegnere?
 
Scióscia popolo.
Shhhhh, shhhhh
'ncopp'a 'stu ffuoco ardente.
Shhhhh, shhhhh
arapíte 'a fenesta.
La-lai-lai-là.
 
Soffia popolo.
Shhhhh, shhhhh
su questo fuoco ardente.
Shhhhh, shhhhh
aprite la finestra.
La-lai-lai-là.
 
'Mpizzalo, 'mpizzalo,
'mpizzalo comm'a saciccia.
Stùtalo, stùtalo,
stùtalo comm'a cannela.
Zùcalo, zùcalo,
zùcalo comm'a lu sango.
Làlala – làlala – làlala – làlala – làila.
Làlala- làlala – làlala – làlala- là.
'Mpizzalo, 'mpizzalo,
'mpizzalo comm'a saciccia.
Stùtalo, stùtalo,
stùtalo comm'a cannela.
Scànnalo, scànnalo,
scànnalo comm'a capretta.
Scànnalo, scànnalo,
scànnalo comm'a capretta.
Scànnalo, scànnalo,
scànnalo si vuó sunà.
 
Infilzalo, infilzalo,
infilzalo come la salsiccia.
Spegnilo, spegnilo,
spegnilo come la candela.
Succhialo, succhialo,
succhialo come il sangue.
Làlala – làlala – làlala – làlala – làila.
Làlala- làlala – làlala – làlala- là.
'Infilzalo, infilzalo,
infilzalo come la salsiccia.
Spegnilo, spegnilo,
spegnilo come la candela.
Scannalo, scannalo,
scannalo come la capretta.
Scannalo, scannalo,
scannalo come la capretta.
Scannalo, scannalo,
scannalo se vuoi suonare.
 
Saglie
e 'ncielo arriva.
E' fiamma viva,
chi 'a po' stutà?
 
Sale
e in cielo arriva.
E' fiamma viva.
Chi la può spegnere?
 
Scioscia tu
e scioscio io
e sciusciammo tutte 'nzieme.
Quanno 'o popolo s'aunisce
e se passa 'o primmo sciuscio.
 
Soffia tu
e soffio io
e soffiamo tutti insieme.
Quando il popolo si unisce
e si passa il primo soffio.
 
Scioscia, scioscia,
scioscia, sció.
Scioscia, scioscia,
scioscia, sció.
Soffia, soffia,
soffia, soffia.
Soffia, soffia,
soffia, soffia.

Il brano fu realizzato per la commedia musicale in due atti “Tommaso d’Amalfi”, opera ispirata alla rivoluzione di Masaniello, che fu portata in scena con la direzione di De Filippo e un cast composto da Domenico Modugno, Giustino Durano, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. La canzone fu poi incisa e pubblicata per la prima volta nel 1971 da Domenico Modugno che la inserì nell’album “Con l’affetto della memoria”. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quella di Teresa Di Sio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia