SERENATA NAPULITANA


musicaPasquale Mario Costa testoSalvatore Di Giacomo data1896


 
Dimme, dimme a chi pienze assettata
sola sola, addereto a 'sti llastre?
'Nfacci'ô muro 'e rimpètto, stampata,
veco 'n'ombra, e chest'ombra sî tu.
 
Dimmi, dimmi, a chi pensi seduta
sola sola, dietro a questi vetri?
Sul muro, di fronte, stampata,
vedo un'ambra, e quest'ombra sei tu.
 
Fresca è 'a notte, 'na luna d'argiento
saglie 'ncielo e cchiù ghianca addeventa.
E 'nu sciato, ogne tanto, d' 'o viento
'mmiez'a 'st'aria se sente passà.
 
Fresca è la notte, un luna d'argento
sale in cielo e più bianca diventa.
E, ogni tanto, un fiato di vento
in quest'aria si sente passare.
 
Ah, che notte, ah, che notte.
Ma pecché nun t'affacce?
Ma pecché, ma pecché mme ne cacce,
Catarì, senza manco parlá?
 
Ah, che notte, ah che notte.
Ma perchè non ti affacci?
Ma perchè, ma perchè mi cacci,
Caterina, senza nemmeno parlare?
 
Ma ce sta 'nu destino,
e io ce credo e ce spero.
Catarì, nun è overo,
tu cuntenta nun sî.
 
Ma c'è un destino,
e io ci credo e ci spero.
Caterina, non è vero,
tu contenta non sei.
 
Catarí, Catarí, mm'hê lassato,
tutto 'nzieme 'st'ammore è fernuto,
tutto 'nzieme t'hê scìvete a 'n'ato,
mm'hê 'nchiantato e mm'hê ditto: "Bonnì".
 
Caterina, Caterina, mi hai lasciato,
all’improvviso questo amore è finito,
all’improvviso hai scelto un altro,
mi hai piantato e mi hai detto "Buona giornata".
 
E a chist'ato ca tu mo vuó bene
staje penzanno e, scetata, ll'aspiette,
ma chist'ato, stasera, nun vène,
e maje cchiù, t' 'o ddich'io, venarrà.
 
E a questo a cui tu ora vuoi bene
stai pensando e, sveglia, l'aspetti,
ma quest'altro, stasera, non viene,
e mai più, te lo dico io, arriverà.
 
No, nun vène, nun vène.
Ll'aggio visto p' 'a strada,
cammenà, core a core, cu 'n'ata,
e, redenno, parlavano 'e te.
 
No, non viene, non viene.
L'ho visto per la strada
camminare, cuore a cuore, con un'altra,
e, ridendo, parlavano di te.
 
Tu sî stata traduta.
Tu sî stata lassata.
Tu sî stata 'nchiantata,
pure tu, pure tu.
Tu sei stata tradita.
Tu sei stata lasciata.
Tu sei stata piantata,
anche tu, anche tu.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Bruno Venturini, Francesco Daddi, Giulietta Sacco, Consilia Licciardi, Mima Doris, Sergio Murolo, Fausto Cigliano e Mario Gangi, Lina Sastri, Pino Mauro, Peppino Di Capri e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia