SERENATA A SURRIENTO


musicaSalvatore Gambardella testoAniello Califano data1907


 
Surriento gentile,
suspiro d'ammore,
delizia 'e 'stu core,
tu sî 'nu buchè.
 
Sorrento gentile,
sospiro d'amore,
delizia di questo cuore,
tu sei un bouquet.
 
Cu 'addore 'e 'sti sciure,
cu 'e vase 'e 'stu mare,
'e ccose cchiù care
farrisse scurdà.
 
Col profumo di questi fiori,
con i baci di questo mare,
le cose più care
faresti dimenticare.
 
Surriento, Surriento.
So' fatte pe 'ncantà
'stu cielo, 'sti ciardine,
chest'aria, 'sti mmarine.
Sorrento, Sorrento.
Sono fatti per incantare
questo cielo, questi giardini,
quest'aria, queste marine. 
Surriento, Surriento.
So' fatte pe 'ncantà
'stu cielo, 'sti ciardine,
chest'aria, 'sti mmarine.

 
Sorrento, Sorrento.
Sono fatti per incantare
questo cielo, questi giardini,
quest'aria, queste spiagge.

 
Surriento gentile,
parole d'ammore
'stu cielo, 'stu mare,
suspira pe tte.
 
Sorrento gentile,
parole d'amore
questo cielo, questo mare,
sospira per te.
 
Pe ll'uocchie cianciuse
d' 'e nnénne ca tiéne,
gelose, 'e Ssirene
nun cantano cchiù.
 
A causa degli occhi dolci
delle ragazze che hai,
gelose, le Sirene
non cantano più.
 
Surriento, Surriento.
……………………….
 
Sorrento, Sorrento.
………………………
 
Surriento gentile,
ciardino d' 'e ffate,
'a gente, 'ncantáte,
tu faje rummané.
 
Sorrento gentile,
giardino delle fate,
la gente, incantata,
tu fai rimanere.
 
Chi parte 'a luntano,
te penza scuntento
e sonna 'o mumento
ca torna addu te.
 
Chi parte da lontano,
ti pensa scontento
e sogna il momento
di ritornare da te.
 
Surriento, Surriento.
……………………….
Sorrento, Sorrento.
………………………

Secondo la tradizione, Califano scrisse la canzone durante una delle sue frequenti visite a Sorrento, dove coltivava amicizie di gioventù e curava gli interessi di alcune proprietà di famiglia. Un giorno passò a salutare il suo amico sindaco, Guglielmo Tramontano, che, alla presenza di Giambattista De Curtis, Salvatore Gambardella e altri illustri colleghi, lo punzecchiò ricordandogli come De Curtis, pur non essendo di Sorrento, avesse scritto i versi di una canzone dedicata alla città che era già un successo mondiale (“Torna a Surriento). Punto sul vivo, rivolgendosi a Gambardella, dettò i versi di questa canzone che lo stesso musicista musicò. Tra le interpretazioni del brano, ricordiamo quelle di Tullio Pane, Tito Schipa, Gabriele Vanorio, Alberto Berri, Gianni Lamagna, Giulietta Sacco, Consilia Licciardi, Milva e Giacomo Rondinella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia