UN URLATORE A NAPULE


musicaGiuseppe Russo testoVindez data1960


 
Io so' venuto a Napule
per fare al Signor Sindaco
e alla cittadinanza
questa istanza:
Ho scelto 'sta città
pe cantà.
Pe 'na voce d'urlatore
ce vo' Napule int'ô core.
 
Io sono venuto a Napule
per fare al Signor Sindaco
e alla cittadinanza
questa istanza:
Ho scelto questa città
per cantare.
Per una voce d'urlatore
ci vuole Napoli nel cuore.
 
E dateme e dateme,
dateme 'o mandulino.
E fatemi e fatemi,
fatemi un concertino.
Cu ll'acqua 'e Marechiare,
vuje m'avit' 'a battezzà.
Poi fatemi cantare
p' 'a cchiù bella d' 'a città.
E datemi e datemi
un poco del vostro cuore.
E ditemi, ditemi
comme se canta 'ammore.
Ammore, ammore.
 
E datemi e datemi,
datemi il mandolino.
E fatemi e fatemi,
fatemi un concertino.
Con l'acqua di Marechiaro.
voi mi dovete battezzare.
Poi fatemi cantare
per la più bella della città.
E datemi e datemi
un poco del vostro cuore.
E ditemi, ditemi
comme si canta l'amore.
Amore, amore.
 
M'ha detto un grande critico,
che l'urlo è nato a Napule.
La gente e i venditori
so' urlatori.
E' nnata pe strillà
'sta città.
E nell'urlo ce sta 'addore,
c'è il colore ed il sapore.
 
M'ha detto un grande critico,
che l'urlo è nato a Napoli.
La gente e i venditori
sono urlatori.
E' nata per strillare
questa città.
E nell'urlo c'è il profumo,
c'è il colore ed il sapore.
 
E dateme e dateme,
………………
 
E datemi e datemi,
………………
 
E datemi e datemi
un poco del vostro cuore.
E ditemi, ditemi
comme se canta 'ammore.
Ammore, ammore.
Ammore, ammore.
E datemi e datemi
un poco del vostro cuore.
E ditemi, ditemi
comme si canta l'amore.
Amore, amore.
Amore, amore.

Il brano fu presentato all’ottava edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 14 al 16 giugno. Nell’occasione fu cantato da Maria Paris e Corrado Lojacono, classificandosi al decimo posto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia