UÈ UÈ CHE FEMMENA


musicaUgo Calise testoNisa1 data1960


 
Fermateme! Teniteme!
Calmateme pecchè,
guagliù,
io nun raggiono cchiù.
 
Fermatemi! Tenetemi!
Calmatemi perchè,
ragazzi,
io non ragiono più.
 
Uè, uè, uè, uè,
aggio visto 'na femmena,
e che femmena.
Sento 'o core che fa: "tim-pù tim-pà".
Uè, uè, uè, uè,
è 'na cosa fantastica,
tutta Napule
s' 'a vulesse vasà.
Capille nire, uocchie 'e mare,
tacche a spillo e 'a vesta blu,
'na vocca rossa comm'ô ffuoco.
Fuoco, fuoco, bruciame tu.
Uè, uè, uè, uè,
aggio visto 'na femmena,
e che femmena,
fatta apposta pe mme.
Ma 'sta femmena io nun saccio chi è.
 
Uè, uè, uè, uè,
ho visto una donna,
e che donna.
Sento il cuore che fa: "tim-pù tim-pà".
Uè, uè, uè, uè,
è una cosa fantastica,
tutta Napoli
la vorrebbe baciare.
Capelli neri, occhi color mare,
tacchi a spillo e vestito blu,
una bocca rossa come il fuoco.
Fuoco, fuoco, bruciami tu.
Uè, uè, uè, uè,
ho visto una donna,
e che donna,
fatta apposta per me.
Ma questa donna io non so chi è.
 
Guardannola,
'na museca
tu siente attuorno a te.
Chi è?
E' bella comm'a cche.
 
Guardandola,
una musica
tu senti intorno a te.
Chi è?
E' bella come non so che.
 
Capille nire, uocchie 'e mare,
…………………
 
Capelli neri, occhi color mare,
…………………
 
Io m' 'a voglio vasà.
Io m' 'a voglio spusà.
Uè, uè, che femmena.
Io me la voglio baciare.
Io me la voglio sposare.
Uè, uè, che donna.

Il brano fu presentato all’ottava edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 14 al 16 giugno. Nell’occasione fu cantato da Aurelio Fierro e Marino Marini, classificandosi al secondo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Abbate, Claudio Villa e Massimo Ranieri.
1 Nisa è lo pseudonimo utilizzato dal paroliere e compositore Nicola Salerno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia