TIRITOMBA


musica testoAnonimo dataXVIII sec


 
Sera jette, sera jette a la marina
pe trovà 'na 'nnamorata,
janca e rossa, janca e rossa, aggraziata,
fatta proprio pe scialà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Di sera andai, di sera andai alla marina
per trovare una fidanzata,
bianca e rossa, bianca e rossa, aggraziata,
fatta proprio per star bene.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 
Spassianno, spassianno pe lla 'ttuorno
sento fà 'no sordeglino.
Mme ne accosto, mme ne accosto cchiù 'bbecino
pe poterla smiccià.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Passeggiando, passeggiando là intorno
sento fare un fischio.
Mi accosto, mi accosto più vicino
per poterla sbirciare.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 
Era bella, era bella, cchiù che bella,
parea stella de l'ammore.
Era chiuovo, era chiuovo che lo core
te sa dinto spertusà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Era bella, era bella, più che bella,
sembrava la stella dell'ammore.
Era chiodo, era chiodo che il cuore
ti sa all'interno penetrare.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 
Io la guardo, io la guardo ed essa ride.
Io la parlo, essa risponne.
E già stevo e già stevo mmiezo a ll'onne
de l'ammore p'affonnà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Io la guardo, io la guardo ed lei ride.
Io le parlo, lei risponde.
E già stavo e già stavo tra le onde
dell'amore per affondare.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 
Quanno veco, quanno veco 'nnitto 'nfatto
assommarme Tata 'nnante.
Co 'na mazza, co 'na mazza faudiante,
mme voleva dissossà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Quando vedo, quando vedo detto fatto
comparire il Padre davanti.
Con una mazza, con una mazza vistosa,
mi voleva disossare.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 
De carrera, de carrera scappo e sferro
accossì da chelle botte.
Ma la bella, ma la bella juorno e notte,
sempe 'ncore me starrà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba a ll'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba a ll'aria va.
 
Di corsa, di corsa scappo e mi allontano
così da quelle botte.
Ma la bella, ma la bella giorno e notte
sempre nel cuore mi rimarrà.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba, tiritomba all'aria va.
Tiritomba, tiritomba,
tiritomba all'aria va.
 

Il brano venne pubblicato da Guglielmo Cottrau nel XIX secolo, riprendendo probabilmente un canto popolare del secolo precedente e riadattandone o riscrivendone la melodia. A lui si deve la diffusione all’estero di questa e altre canzoni napoletane. Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Fritz Wunderlich, Joseph Schmidt e Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia