SUTTANELLA E CAZUNCIELLO


musicaCarlo Donida testoNisa1 data1959


 
'Nu cazunciello appiso â funicella
'nu juorno s'asciuttava sott'ô sole,
affianco affianco cu 'na suttanella,
'na suttanella tutta rose e viole.
 
Un calzoncino appeso alla cordicella
un giorno si asciugava sotto il sole,
affianco affianco ad una sottanella,
una sottanella tutta rose e viole.
 
'O viento chianu chianu 'e muveva a cca e a lla
e allora sottovoce se mettettero a parlà.
 
Il vento piano piano li muoveva di qua e di là
e allora sottovoce si misero a parlare.
 
"Io songo 'a suttanella
'e 'na bella piccerella
c' 'a sera sott'ê stelle
'na vucchella vo' vasà".
"Io songo 'o cazunciello
'e 'nu bello piccirillo
ca sulo 'e 'nu vasillo
nun se po' cchiù accuntentà".
 
"Io son la sottanella
di una bella ragazza
che la sera sotto le stelle
una boccuccia vuol baciare".
"Io sono il calzoncino
di un bel ragazzo
che solo di un bacino
non si può più accontentare".
 
Dicette 'nu cardillo, ca spiava mmiez'ê rrose:
"Nun ve mettite scuorno, nun si diceno 'sti ccose".
 
Disse un cardellino, che spiava tra le rose:
"Nun vi vergognate, non si dicono queste cose".
 
Chella è 'na piccerella
ca nun conosce ammore
ca 'ncielo conta 'e stelle
comme tutt' 'a giuventù.
Chillo è 'nu piccerillo,
bellillo e tutto d'oro,
ca sulo 'nu vasillo,
cerca e niente cchiù.
 
Quella è una ragazza
che non conosce amore
che nel cielo conta le stelle
come tutti i giovani.
Quello è un ragazzo,
bellino e tutto d'oro,
che solo un bacino
chiede e niente più.
 
'O cielo scuro scuro addeventaje
e 'o viento forte forte se facette.
Luntano 'a suttanella se purtaje
e 'o cazunciello sulo rummanette.
 
Il cielo scuro scuro diventò
e il viento forte forte si fece.
Lontano la sottanella portò via
e il calzoncino solo rimase.
 
'O povero cardillo mmiez'a chell'oscurità,
sentette ddoje vucelle, doce doce, suspirà.
 
Il povero cardellino in quella oscurità,
sentì due vocine, dolcemente, sospirare.
 
"Io songo 'a suttanella
'e 'na bella piccerella
c' 'a sera sott'ê stelle
'na vucchella vo' vasà".
"Io songo 'o cazunciello
'e 'nu bello piccirillo
ca sulo 'e 'nu vasillo
nun se po' cchiù accuntentà".
 
"Io son la sottanella
di una bella ragazza
che la sera sotto le stelle
una boccuccia vuol baciare".
"Io sono il calzoncino
di un bel ragazzo
che solo di un bacino
non si può più accontentare".
 
Dicette 'nu cardillo, ca spiava mmiez'ê rrose:
"Nun ve mettite scuorno, nun si diceno 'sti ccose".
 
Disse un cardellino, che spiava tra le rose
"Nun vi vergognate, non si dicono queste cose".
 
Chella è 'na piccerella
ca nun conosce ammore
ca 'ncielo conta 'e stelle
comme tutt' 'a giuventù.
Chillo è 'nu piccerillo,
bellillo e tutto d'oro,
ca sulo 'nu vasillo
cerca e niente cchiù.
 
Quella è una ragazza
che non conosce amore
che nel cielo conta le stelle
come tutti i giovani.
Quello è un ragazzo,
bellino e tutto d'oro,
che solo un bacino
chiede e niente più.
 
Ca sulo 'nu vasillo
cerca e niente cchiù.
'Nu vasillo…
Che solo un bacino
chiede e niente più.
Un bacino…

Il brano fu presentato alla settima edizione del Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dall’11 al 13 giugno. Nell’occasione fu cantato da Gloria Christian e da Miranda Martino con Teddy Reno. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Aurelio Fierro, Nunzio Gallo con Wera Nepy, Tina De Paolis con Mario Trevi e Renato Carosone.
1 Nisa è lo pseudonimo utilizzato dal paroliere e compositore Nicola Salerno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia