VELA 'E SURRIENTO


musicaManfredo Quintavalle testoFrancesco Fiore data1945


 
Varca a vela 'e Surriento,
prufumata da 'o viento,
'sta canzone è pe tte.
T' 'a voglio fa sentì,
t' 'a voglio fa cantà,
sott'â luna d'argiento
'e 'sta notte d'està.
 
Barca a vela di Sorrento,
profumata dal vento,
questa canzone è per te.
Te la voglio far sentire,
te la voglio far cantare,
sotto la luna d'argento
di questa notte d'estate.
 
Marenà, marenà,
si 'na voce tu siente 'e tremmà:
"Voglio a tte, sulo a tte",
dint'â varca tu cante pe mme,
voca e vva', voca e vva'.
Ma si nenna nun dice: "sto' cca",
marenà, marenà,
nun cantà, chiagne cu mme.
 
Marinaio, marinaio,
se una voce tu senti tremare:
"Voglio te, solo te",
dentro la barca tu canti per me,
rema e va', rema e va'.
Ma se l'amore mio non dice: "sto qua",
marinaio, marinaio,
non cantare, piangi con me.
 
Mare 'e tutt' 'e ccanzone, sciure 'arance e limone,
nenna mia addò sta?
Me vo' turnà a sentì?
E vo' turnà a sunnà?
Mo ca dint'ê ccanzone
torna 'ammore a ccantà.
 
Mare di tutte le canzoni, fiori d'arancio e limoni,
il mio amore dove sta?
Vuoi ritornare a sentirmi?
E vuoi ritornare a sognare?
Ora che nelle canzoni
torna l'amore a cantare.
 
Marenà, marenà,
sento 'a nenna ca dice: "sto' cca,
voglio a tte, sulo a tte".
'Na chitarra s'abbraccia cu mme.
Voca e vva', voca e vva',
'n'ombra d'oro 'nu segno me fa.
Marenà, marenà,
può cantà pe mme… pe mme.
Marinaio, marinaio,
sento il mio amore che dice: "sono qua,
voglio te, solo te".
Una chitarra si abbraccia con me.
Rema e va', rema e va'.
Un'ombra d'oro un segno mi fa.
Marinaio, marinaio,
puoi cantare per me… per me.

Il brano fu cantato da Franco Ricci.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia