VIENTO


musicaLino Benedetto testoMarcello Zanfagna data1959


 
Te voglio ancora bene
pure sapenno che t'aggio perduto.
Te sento ancora mia
pure si 'o core nun me dà raggione.
Tu sî 'o penziero mio ogne mumento
pecchè tutt' 'e mumente io penzo a te.
 
Ti voglio ancora bene
anche sapendo che ti ho perduto.
Ti sento ancora mia
anche se il cuore non mi dà ragione.
Tu sei il pensiero mio ogni momento
perchè tutti i momenti io penso a te.
 
Viento, viento, viento, viento,
tu ca luntano vaje,
te prego assaje,
spierde chist'ammore
ca mme consuma 'o core.
Niente, niente, niente, niente,
ce po' cchiù stà tra nuje
pecchè me struje
pe 'st'ammore mio
ca mme fa suffrì.
Io saccio ca si 'o viento vo' parlà
nisciuno tene 'a forza d' 'o fermà.
Pirciò t' 'o ddico, cerca d' 'a vedè,
parlale 'e me.
 
Vento, vento, vento, vento,
tu che lontano vai,
ti prego tanto,
disperdi questo amore
che mi consuma il cuore.
Niente, niente, niente, niente,
ci può più stare tra noi
perchè mi struggo
per questo amore mio
che mi fa soffrire.
Io so ca se il vento vuole parlare
nessuno ha la forza di fermarlo.
Perciò te lo dico, cerca di vederla,
parlale di me.
 
Viento, viento, viento, viento,
tu ca luntano vaje,
te prego assaje,
spierde chist'ammore
ca mme fa suffrì.
 
Vento, vento, vento, vento,
tu che lontano vai,
ti prego tanto,
disperdi questo amore
che mi fa soffrire.
 
Ritorno 'int'a 'sta via,
'a ggente m'addimanna tu addò staje.
Si po' 'ncontro 'n'amico,
pur'isso vo' sapè chello che ffaje.
Tu sî 'na voce ca nun me dà pace
pecchè ogne cosa parla sempe 'e te.
 
Ritorno in questa via,
la gente mi domanda tu dove sei.
Se poi incontro un amico,
anche lui vuol sapere quello che fai.
Tu sei una voce che non mi dà pace
perchè ogni cosa parla sempre di te.
 
Niente, niente, niente, niente,
ce po' cchiù stà tra nuje
pecchè me struje
pe 'st'ammore mio
ca mme fa suffrì.
Io saccio ca si 'o viento vo' parlà
nisciuno tene 'a forza d' 'o fermà.
Pirciò t' 'o ddico, cerca d' 'a vedè,
parlale 'e me.
 
Niente, niente, niente, niente,
ci può più stare tra noi
perchè mi struggo
per questo amore mio
che mi fa soffrire.
Io so ca se il vento vuole parlare
nessuno ha la forza di fermarlo.
Perciò te lo dico, cerca di vederla,
parlale di me.
 
Viento, viento, viento, viento,
tu ca luntano vaje,
te prego assaje,
spierde chist'ammore
ca mme fa suffrì.
 
Vento, vento, vento, vento,
tu che lontano vai,
ti prego tanto,
disperdi questo amore
che mi fa soffrire.
 
Oje viento, viento,
parlale 'e me.
O vento, vento,
parlale di me.

Il brano fu lanciato da Mario Trevi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia