VOCA E VA PISCATÒ


musicaFranco Francolini, Giuseppe Faiella testoGiorgio Bignardi, Mario Cenci data1961


 
Voca e va' piscatò.
Voca e va' piscatò.
 
Rema e vai pescatore.
Rema e vai pescatore.
 
Si dint'ô cielo
'nu migliare 'e stelle
nun ponno fa schiarì
'stu cielo scuro.
Si mmiez'ô mare
luceno 'e lampare
nun ponno appiccià 'o viento.
Ma 'stu suonno 'e chist'ammore
mm'ha appicciato dint'ô core
'stu turmiento… 'stu turmiento.
 
Se in cielo
un migliaio di stelle
non può far schiarire
questo cielo scuro.
Se in mare
splendono le lampare
nun possono accendere il vento.
Ma questo sogno di questo amore
mi ha acceso nel cuore
questo tormento… questo tormento.
 
Viene addu me,
astrigneme 'sti mmane.
Statte cu mme,
cu mme sin'a dimane.
Ma 'sti pparole
s'ha purtate 'o viento
cchiù luntano a mare…
cchiù luntano 'a te.
 
Vieni da me,
stringimi queste mani.
Stai con me,
co me fino a domani.
Ma queste parole
le ha potate via il viento
più lontano a mare…
più lontano da te.
 
Viene addu me,
……………
 
Vieni da me,
……………
 
Voca e va' piscatò.
Voca e va'… voca e va'.
Rema e vai pescatore.
Rema e vai… rema e vai.

Il brano fu lanciato da Peppino Di Capri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia