VOCA LUNTANO


musicaRodolfo Falvo testoFerdinando Russo data1913


 
Voca vo', marenà, ca stasera
ciento spine mme fanno patè.
Chella nfama nun era sincera,
me 'ngannava e sapeva 'o ppecchè.
 
Voga vo', marinaio, che stasera
cento spine mi fanno patire.
Quella infame non era sincera,
mi ingannava e sapeva il perchè.
 
Voca sempe e vucammo luntano.
Ah, putesse maje cchiù riturnà….
Voca vo', marenà…
Ah, putesse maje cchiù riturnà…
 
Voga sempre e voghiamo lontano.
Ah, potrò mai più ritornare…
Voga vo', marinaio…
Ah, potrò mai più ritornare…
 
Voca vo', marenà, voca fore,
nun fà caso ca chiagno accussì
Che te 'mporta, è 'na storia d'ammore…
tutt' 'e stesse, ll'ammore è suffrì.
 
Voga vo', marinaio, voga al largo,
nun fare caso che piango così.
Che ti importa, è una storia d'amore…
tutte uguali, l'amore è soffrire.
 
Si te stanche te dongo 'na mana,
Ma vucammo pe nun riturnà.
Voca vo', marenà…
Ah, putesse maje cchiù riturnà…
 
Se ti stanchi ti do una mano,
Ma voghiamo per non ritornare.
Voga vo', marinaio…
Ah, potrò mai più ritornare…
 
Voca vo', ca 'sta notte è serena,
quanta stelle nce stanno a sentì.
Si quaccuna capesse 'sta pena,
me facesse cchiù lieggio pur'io.
 
Voga vo', che questa notte è serena,
quante stelle ci stanno a sentire.
Se qualcuna capisse questa pena,
me farei più leggero anche io.
 
Voca fore, vucammo luntano,
maje 'stu vraccio se pozza stancà.
Voca vo', marenà…
Ah, putesse maje cchiù riturnà…
Voga fuori, voghiamo lontano,
mai questo braccio si possa stancare.
Voga vo', marinaio…
Ah, potrò mai più ritornare…

Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quelle di Gabrè e di Alfredo Cibelli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia