VOCA VOCA (LO VARCAJUOLO)


musicaPietro Labriola testoAnonimo data1860 ca


 
Voca voca, tira 'nterra
che mm'aspetta Nenna mia.
La fenesta meza 'nzerra,
mo se mette a fà la spia…
mo se mette a fà la spia…
 
Rema rema, tira a terra
che mi aspetta l'Amore mio.
La finestra mezza chiusa,
ora si mette a far la spia…
ora si mette a far la spia…
 
Gioia bella sî carella
quanno 'a sera aspiette a me.
Pare proprio chella stella
ch'è la primma a cumparè…
 
Gioia bella sei cara
quando la sera aspetti me.
Sembri proprio quella stella
che è la prima a comparire…
 
Voca voca, 'ncas' 'a mano.
Nun cunusce quali ppene
sente ll'ommo che luntano
sta da chella che vo' bbene…
sta da chella che vo' bbene…
 
Rema rema, più in fretta.
Non conosci quali pene
sente l'uomo che lontano
sta da quella a cui vuol bene…
sta da quella a cui vuol bene…
 
Si nun haje 'na Nenna 'ncore
ogne gioia a che te va?
Si nun siente 'mpietto ammore
che te serve lu campà?
 
Se non hai una Donna nel cuore
ogni gioia a che ti serve?
Se non senti in petto amore
a che ti serve il campare?
 
Voca voca, cu che faccia
sta guardannome speruta.
Se ne trase, mo s'affaccia,
me cunosce, me saluta…
me cunosce, me saluta…
 
Rema rema, con che faccia
sta guardandomi strutta.
Rientra, ora si affaccia,
mi riconosce, mi saluta…
mi riconosce, mi saluta…
 
Oje Nennella, mia carella,
tu sî 'n'angelo pe mme.
Tu sî proprio chella stella
ch'è la primma a cumparè…
 
O Amore, mia cara,
ti sei un angelo per me.
Tu sei proprio quella stella
che è la prima a comparire…
che è la prima a comparire…
 
Voca voca…
Voca voca…
Rema rema…
Rema rema…

Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quella di Roberto Murolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia