VOGLIO BENE SULO A TTE


musicaManfredi Quintavalle testoGiuseppe Casillo data1945


 
Quanta rose a 'stu balcone,
tanta vase hê date a mme.
T'arricuorde che passione
vicino a tte?
E mo, dimme, cu che core
vai dicenne ca pe tte
nun so' stato 'o vero ammore,
e me faje suffrì, pecchè?
 
Quante rose su questo balcone
tanti baci hai dato a me.
Ti ricordo che passione
vicino a te?
E ora, dimmi, con che cuore
dici che per te
non sono stato il vero amore,
e mi fai soffrire, perchè?
 
No, nun me fà suffrì,
te voglio bene.
No, nun me fà murì
dint'a 'sti ppene.
Pecchè i' voglio bene sulo a tte,
e tu pecchè, tu nun vuò bene a mme?
 
No, non mi far soffrire,
ti voglio bene.
No, nun me far morire
tra queste pene.
Perchè io voglio bene solo a te,
e tu perchè, tu nun vuoi bene a me?
 
Quann'â sera sponta 'a luna
te vulesse 'nzieme a me.
Sai pecchè? Nun c'è nisciuna
cchiù bella 'e te.
E tu invece pienze a 'n'ato,
mentre i' penzo e chiammo a tte.
T'hê scurdato già 'o passato
quanno stive 'mbracci'a mme?
 
Quando di sera spunta la luna
ti vorrei insieme a me.
Sai perchè? Nun c'è nessuna
più bella di te.
E tu invece pensi ad un altro,
mentre io penso e chiamo te.
Hai dimenticato già il passato
quando stavi tra le mie braccia?
 
No, nun me fà suffrì,
…………………
No, non mi far soffrire,
…………………

Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quella di Enzo Romagnoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia