PAZZARIELLO

‘O pazzariello era un’artista di strada, figura molto diffusa e caratteristica della Napoli di fine Settecento, Ottocento e prima metà del ’900, una specie di giullare di piazza che attirava i passanti con i suoi strampalati spettacolini.
Di solito lo si poteva trovare per le strade, vestito in modo molto vistoso, mentre impugnava del vino o altri prodotti (solitamente pane e pasta) che gli venivano affidati da una vicina cantina o bottega per farsi pubblicità. Infatti, con balli, danze e filastrocche, era solito annunciare l’apertura di nuovi negozi accompagnato anche da una piccola orchestrina composta da tamburino, putipù, scetavajasse e triccheballacche.
Inoltre, non era raro trovarlo a qualche festa paesana o sagra in cui tentava di attirare un numero più alto possibile di avventori per vendere all’asta qualche oggetto ricevuto dagli organizzatori per aumentare il ricavato dell’evento.
La figura del pazzariello è stata valorizzata e resa celebre dal grande Totò, che lo ha interpretato nella trasposizione cinematografica de “L’oro di Napoli”, film di Vittorio De Sica tratto dal capolavoro di Giuseppe Marotta.

4 commenti su “Pazzariello

  1. e’ un personaggio che mi piace molto e che rappresento nelle sfilate di carnevale con il mio gruppo folcloristico napoletano.

  2. Mi piacerebbe mettere una foto su google mia vestito da Pazzariello.

  3. Salve,

    vorrei acquistare il cappello tipico del costume di Pazzariello, non trovo niente sul web.
    Il cappello si chiama Lucerna oppure Feluca, mi potete dare qualche indicazione?
    Sono di Firenze.

    Grazie 1000

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2019 © Napoligrafia