CARCERATO


musicaGiuseppe Cioffi testoGigi Pisano data1949


 
Pecchè ll'hê fatto, pecchè.
Mamma malata more
e chiamma a tte.

 
Perchè l'hai fatto, perchè.
Mamma malata muore
e chiama te.

   
Pagliariccio e ccancelle,
chesta è 'a vita 'e chi 'ncarcere sta.
Pe 'na femmena bella
aggio perzo pur'io 'a libbertà.
Tengo a mamma malata
ca me chiamma e m'aspetta.
E io ca sto carcerato
nun 'a pozzo salvà.
 
Pagliericcio e inferriate,
questa è la vita di chi in carcere sta.
Per una donna bella
ho perso anch'io la libertà.
Ho mamma malata
che mi chiama e m'aspetta.
E io che sono carcerato
non la posso salvare.
 
Io stongo carcerato
e mamma more.
Voglio murì pur'io
primma 'e stasera.
Oje carceriere mio,
Oje carceriere,
famme 'na carità,
famme jì a vasà a mammà.
 
Io sono carcerato
e mamma muore.
Voglio morire anche io
prima di stasera.
O carceriere mio,
O carceriere,
fammi una carità,
fammi andare a baciare mamma.
 
Io nun so' delinquente,
ma ll'onore nun m'hann' 'a tuccà.
Mamma mia nun me sente,
ma capisce pecché stongo cca.
Tutte 'e nnotte m' 'a sonno
e lle cerco perdono.
Sto' preganno 'a Madonna,
'a fernesco 'e suffrì.
 
Io non sono delinquente,
ma l'onore non me lo devono toccare.
Mamma mia non mi sente,
ma capisce perché sono qua.
Tutte le notti me la sogno
e le chiedo perdono.
Sto pregando la Madonna,
la finisco di soffrire.
 
Io stongo carcerato
…………………
 
Io sono carcerato
…………………
 
Io stongo carcerato
e mamma more.
Io sono carcerato
e mamma muore.

Il brano fu presentato da Mario Lima alla Festa di Piedigrotta. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Francesco Albanese, Alberto Amato, Tony Astarita, Mario Trevi, Aurelio Fierro, Franco Ricci, Giacomo Rondinella, Claudio Villa e Mario Merola. Il brano ispirò anche due film, entrambi intitolati “Carcerato”: il primo, del 1951, diretto da Armando Zorri, e il secondo, del 1981, diretto da Alfonso Brescia e interpretato da Mario Merola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia