DUMMENECA D' 'E PPALME


musicaErnesto De Curtis testoGiambattista De Curtis data1902


 
Dummeneca d' 'e Ppalme
se n'è passata zitto,
quanto me songo afflitto…
speravo 'e te vedè.
 
Domenica delle Palme
se n'è passata in silenzio,
quanto mi sono afflitto…
speravo di vederti.
 
Manco 'na fronn'aulivo,
'o viento m'ha purtato.
I' so' 'nu sventurato…
che spero cchiù da te?
 
Nemmeno un ramo di ulivo,
il vento mi ha portato.
Io sono uno sventurato…
che spero più da te?
 
Tutta 'a campagna è 'nfiore,
è 'n'armunia d'ammore,
ma tu sempre crudele
sî stata e sî pe mme.
 
Tutta la campagna è in fiore,
è un armonia d'amore,
ma tu sempre crudele
sei stata e sei per me.
 
Pasca è venuta: e 'nterra,
quanto me dispiace,
ca nun s'è fatto pace…
che ne sarrà de me?
 
Pasqua è arrivata: e in terra,
quanto mi dispiace,
che non si è fatto pace…
che ne sarà di me?
 
Tu dice ca i' songo
'o 'nfame, 'o traditore
e ca tu te ne muore?
Ma io more primma 'e te!
 
Tu dici che io sono
l'infame, il traditore
e che tu muori?
Ma io muoio prima di te!
 
Tutta 'a campagna è 'nfiore,
è 'nu ricamo 'e vele,
ma tu sempre crudele
sî stata e sî pe mme.
Tutta la campagna è in fiore,
è un ricamo di vele,
ma tu sempre crudele
sei stata e sei per me.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia