E' DESIDERIO


musicaFranco Esposito testoEspedito Barrucci, Giuseppe Sasso data1969


 
Nun ce vulimmo bbene, sissignore,
è sulo 'o desiderio ca ce struje.
'O desiderio nun se chiamma ammore,
stammo sbaglianno strada tutt' 'e dduje.
 
Non ci vogliamo bene, sissignore,
è solo il desiderio che ci strugge.
Il desiderio non si chiama amore,
stiamo sbagliando strada tutti e due.
 
E' desiderio
chillo ca ce 'ncatena a tutt' 'e dduje.
'Stu desiderio
quanno è passato se ne ride 'e nuje.
 
E' desiderio
quello che incatena tutti e due.
Questo desiderio
quando è passato ride di noi.
 
Cchiù nun putimmo fingere,
pirciò c'avimm' 'a spartere.
Pace nun ce po' ddà
'sta verità.
'Stu desiderio
cercammo d' 'o svià,
cagnammo via,
pecché si passa 'a giuventù
nun ce sta tiempo cchiù.
 
Più non possiamo fingere,
perciò ci dobbiamo dividere.
Pace non ci può dare
questa verità.
Questo desiderio
cerchiamo di sviarlo,
cambiamo strada,
perché se passa la giovinezza
non c'è più tempo.
 
Si 'nu capriccio è stato, tu dimmello,
pecché capriccio è stato pure 'o mio.
'O core, si 'o vo' 'n'ato, tu dancillo,
è meglio assaje si ce dicimmo addio.
 
Se un capriccio è stato, tu dimmelo,
perché capriccio è stato anche il mio.
Il cuore, se lo vuole un altro, tu daglielo,
è molto meglio se ci diciamo addio.
 
Cchiù nun putimmo fingere,
………………………
 
Più non possiamo fingere,
………………………
 
E' desiderio pe mme e pe tte. E' desiderio per me e per te.

Il brano fu lanciato da Mario Trevi alla Festa di Piedigrotta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia